“La Warner Bros ha ucciso il mio Dune”. Anche Denis Villeneuve tuona contro la “sua” grande major e contro lo streaming HBO Max. Sono passati pochi giorni dalla scelta di AT&T, la casa madre di WarnerMedia, di distribuire i 17 titoli di punta del listino 2021contemporaneamente in sala e in streaming per via della pandemia Covid, e già due delle firme più importanti del bouquet Warner prendono ferocemente le distanze. Il primo era stato a caldo Christopher Nolan che con il suo Tenet, targato Warner, era stato da apripista nell’agosto 2020 con il momentaneo ritorno del pubblico nelle sale cinematografiche. Poche ore fa è toccato invece a Denis Villeneuve, l’autore di Blade Runner 2049 e Arrival.

Una presa di posizione tanto più violenta e circostanziata di quella di Nolan, quanto più meditata e costruita a freddo. In una lettera pubblicata da Variety, Villeneuve ha sostanzialmente spiegato che l’AT&T non ha mostrato alcun “amore per il cinema e i suoi spettatori”, ma che soprattutto pensa solo “alla sua sopravvivenza in borsa”. Come se non bastasse ha poi aggiunto che la “grande rivoluzione” di proporre contemporaneamente 17 film in sala e in streaming (le sale aperte oggi negli Stati Uniti sono nemmeno il 35% ndr) è stata fatta “sacrificando i film del 2021” pur di salvare HBO Max, che secondo lui, “è stato fin qui un progetto fallimentare”. Se non sono parole di guerra queste, ci manca poco. Villeneuve, che come il collega Nolan non può di essere tacciato di essere antimoderno o antistorico visto l’abbondante uso di nuove tecnologie nei propri film, ha comunque sottolineato che lo streaming è “una forza positiva e potente nell’ecosistema cinematografico e televisivo”, ma che da sola “non può sostenere l’industria cinematografica così come la conoscevamo prima del Covid”; anzi, secondo l’autore di Sicario in questo modo Dune “non avrà la possibilità di avere buoni incassi” e “trionferà la pirateria”. Al centro del j’accuse di Villeneuve c’è, come nelle parole di Nolan, la centralità delle visione in sala dei film, e a suo modo un attacco furente all’indistinguibilità merceologica del neoliberismo: “Credo fermamente che il futuro del cinema sarà su grande schermo, qualunque cosa dica un dilettante di Wall Street. Sin dall’alba dei tempi gli esseri umani hanno profondamente bisogno di esperienze di narrazione comune. Il cinema sul grande schermo è qualcosa che va oltre il business, è una forma d’arte che unisce le persone, celebra l’umanità, migliora la nostra empatia reciproca: è una delle ultime esperienze artistiche e collettive di persona che condividiamo come esseri umani”.

Villeneuve ha poi voluto ricordare che nella mattanza dello streaming finirà un suo film che a suo avviso è il suo “migliore di sempre”: “con il mio team ci abbiamo dedicato tre anni della nostra vita per renderlo un’esperienza unica su grande schermo. L’immagine e il suono del nostro film sono stati progettati meticolosamente per essere visti nelle sale cinematografiche”. Infine ha aggiunto che “quando è diventato evidente l’inverno 2020-2021 avrebbe portato una seconda ondata pandemica, ho compreso e sostenuto la decisione di ritardare la distribuzione in sala di Dune di quasi un anno. L’accordo era, però, che Dune sarebbe uscito nelle sale ad ottobre 2021, quando il piano di vaccinazione sarebbe stato avanzato e, si spera, con il virus alle spalle. La scienza ci dice che tutto dovrebbe tornare a una nuova normalità il prossimo autunno”. Insomma, Villeneuve di finire in streaming per fare una politica di banale conferma abbonati di HBO Max, il servizio “casalingo” di Warner online, non ne ha la minima intenzione. Chiaro, il potenziale di ricatto è altamente simbolico, ma potrebbe anche significare un punto di rottura tra i due registi con il proprio storico distributore per migrare prossimamente verso major concorrenti che di certo non mancherebbero. Villeneuve che ha in cantiere un kolossal su Cleopatra e che iniziò da totale indipendente nel 1998 con Un 32 aout sur terre, si affermò nel 2010 con un capolavoro cristallino come Incendies (La donna che canta) con una prima mondiale alle Giornate degli Autori del Festival di Venezia, e fece il salto ad Hollywood nel 2013 con il thriller Prisoners targato fin da allora Warner. Oggi vale sul mercato quei 260 milioni di dollari d’incasso di Blade Runner 2049 (budget 150 ndr).

Nolan, invece, esordì tra il 1998 e il 2000 con due film indie come Following e Memento per poi diventare regista di punta della scuderia Warner prima con Insomnia nel 2002 e successivamente con tutta la saga di Batman, Interstellar, Inception e Dunkirk. Nolan porta in dote, in piena pandemia Covid, con Tenet, nientemeno che 359 milioni di dollari di incassi in tutto il mondo. Insomma, il potenziale per far ricredere Warner ci sarebbe. Vediamo se il capitalismo selvaggio non ha eroso del tutto ogni cellula di resistenza intellettuale ed estetica di due tra i più importanti registi hollywoodiani contemporanei. Del resto, in un periodo di crisi economica ed industriale del cinema con l’arrembante tv, tra anni sessanta e settanta nacque la “New Hollywood” dei Coppola, Lucas, Spielberg, Scorsese, Cimino&Co.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La fine assurda nebulosa e solitaria del regista Kim Ki-duk morto in Lettonia per complicanze legate al Covid

next
Articolo Successivo

Tutti per 1 – 1 per tutti, i Moschettieri di Veronesi ritornano (ma stavolta su Sky)

next