L’hashtag #OgniMattinaIsOverParty è finito in trending topic su Twitter con migliaia di commenti contro la trasmissione mattutina di Tv8. Il motivo? Durante una delle ultime puntate, il programma condotto da Adriana Volpe e Alessio Viola ha posto l’attenzione sul crossdressing, ovvero la tendenza di indossare abiti del sesso opposto. Il dibattito si è concentrato anche su Harry Styles, il cantante degli One Direction che spesso e volentieri indossa abiti femminili per sradicare i pregiudizi e l’identità di genere.

Il cantante lo ha ribadito in più occasioni, anche sulla copertina di Voge dove è apparso vestito da donna: non vuole essere etichettato secondo uno schema sessuale, non vuole limiti né barriere. Si è anche battuto contro la cosiddetta mascolinità tossica. Ma veniamo a “Ogni Mattina”. Il tema del crossdressing è stato affrontato con la speaker radiofonica LaMario (a favore) e la giornalista Caterina Collovati (contro). Proprio le parole di quest’ultima hanno scatenato le polemiche.

Eccole: “Io non amo affatto l’uomo che si traveste da donna, né la donna che scimmiotta l’uomo. Per si tratta di menzogna, di finzione, di pagliacciata e di esibizionismo; è solo un’operazione di marketing quella di Harry Styles. Non c’entra niente l’identità sessuale, anzi, con questo fenomeno si sta svilendo la battaglia dell’identità sessuale. Io dico che ridicolizzare un maschio, come Harry Styles, mettendolo in abiti femminili è fuorviante, è un messaggio circense, mi viene in mente il pagliaccio del circo”.

Da Twitter a TikTok, il video è diventato virale e ha scatenato il malumore dei più. “Nel 2020 stiamo cercando di abbattere ogni barriera e ogni pregiudizio sui generi, e tu vai in un programma seguito da migliaia di persone a dire queste cose? L’Italia non è pronta”, ha detto un tiktoker molto seguito sulla piattaforma. Dal canto suo, Harry Styles aveva già risposto a chi lo criticava per il suo abbigliamento: “Penso che con la musica sia così importante evolversi, e questo si estende ai vestiti, ai video e a tutto il resto. Ecco perché si guarda indietro a David Bowie con Ziggy Stardust o ai Beatles e alle loro diverse epoche: essere impavidi è super stimolante (…) I vestiti sono lì per divertirsi, sperimentare e giocare. Ciò che è veramente eccitante è che tutte queste righe stanno per sgretolarsi. Quando elimini il passaggio “Ci sono vestiti per uomini e ci sono vestiti per donne”, una volta rimosse le barriere, ovviamente apri l’arena in cui puoi giocare. A volte vado nei negozi e mi ritrovo a guardare i vestiti delle donne pensando che siano fantastici. È come qualsiasi cosa: ogni volta che metti delle barriere nella tua vita, ti stai limitando”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Pietro Delle Piane cacciato da casa di Antonella Elia dalla polizia”

next
Articolo Successivo

Matilde Brandi da Tom Cruise con i denti tutti neri per colpa di un errore del dentista, poi la scoperta

next