Campagna di sostegno dalle più importanti associazioni ambientaliste al Fatto Quotidiano per la causa indetta da Eni contro il giornale. Alla campagna di sostegno hanno preso parte i Fridays For Future, Greenpeace, Wwf, ReCommon, il gruppo Extinction Rebellion, l’associazione A Sud Onlus e molte altre. Le associazioni hanno mandato in trend su Twitter gli hashtag #ciavvelEni e #eniricattoquotidiano grazie a un “tweetstorm” lanciato oggi a sostegno della libertà di stampa. Eni ha intentato una causa civile contro il Fatto chiedendo un risarcimento di 350 mila euro per l’intera produzione 29 di articoli, inchieste, interventi e commenti pubblicati riguardanti la compagnia petrolifera a proposito delle inchieste internazionali su casi di presunta corruzione e su questioni ambientali. L’azienda ha anche chiesto che vengano rimossi dal web tutti gli articoli del Fatto contestati.

La più grande multinazionale del fossile partecipata dallo Stato italiano ha fatto causa a Il Fatto Quotidiano per gli articoli in cui raccontava le sporche verità che Eni cerca di sotterrare: sversamenti illeciti, accuse di corruzione internazionale, violazione dei diritti umani“, hanno scritto su Facebook i Fridays For Future, che hanno lanciato la campagna di solidarietà sui social. “Eni non può tollerare delle voci fuori dal coro e prova a metterle a tacere. Non rimarremo in silenzio!”, hanno scritto gli attivisti.

Anche Greenpeace si unisce sui social alla solidarietà per il giornale: “La libertà di pensiero e di stampa, il dovere di cronaca e il coraggio di raccontare vicende che spesso nessun altro affronta, sono principi sacrosanti di una democrazia sana“. Le richieste di Eni, continuano gli attivisti, sono ancora più “inaccettabili se si consideriamo che il 30% di Eni appartiene allo Stato, quello stesso Stato che dovrebbe difendere la libertà di espressione prevista dalla Costituzione e (aggiungiamo noi) anche la salute del Pianeta“.

“Il Wwf Italia è vicino al Fatto Quotidiano per la brutta storia della causa civile per 350mila euro impiantata da Eni”, ha scritto l’organizzazione ambientalista e animalista sui social. “Il giornalismo d’inchiesta in particolare sull’inquinamento e sulle emergenze ambientali è un bene comune della nostra democrazia. Che va difeso“.

I due hashtag hanno avuto migliaia di condivisioni, fino ad arrivare in tendenza. “Non solo il ricatto salute-lavoro, Eni ricatta anche i giornali per non vedere pubblicate le inchieste e tutte le storie di crimini che compie impunemente”, è uno dei tweet condivisi dagli ambientalisti. “La libertà di stampa in Italia soccombe alle mire pubblicistiche e di greenwashing di Eni. Solidarietà al Fatto Quotidiano contro il quale ha indetto una maxi-causa”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Recovery fund, attenzione ai progetti di ‘industria sporca’ ammantati di ecologismo

next
Articolo Successivo

Ghiacciai alpini in lenta agonia: ecco quelli che sono più a rischio. La Marmolada potrebbe sparire in 15 anni

next