“Io mi ricordo che quando ero ragazzo c’era il coprifuoco per la guerra e la messa di mezzanotte non si poteva fare. Se fosse una cosa essenziale allora discutiamone. Non tutte le chiese la facevano la messa a mezzanotte. Durante la guerra? La facevamo prima. Era la messa di Natale. Noi la chiamiamo messa di mezzanotte ma è la messa di Natale e quel giorno ci sono addirittura tre messe”. Così Don Pietro Sigurani, parroco di Sant’Eustachio, a Roma, commenta le polemiche attorno all’orario sulla messa natalizia che quest’anno, causa coronavirus, sarà anticipata per rispettare il coprifuoco. “Dovremmo concentrarci sul Mistero che celebriamo – aggiunge – Se Dio rispetta il coprifuoco? Gesù Cristo si è sempre adattato, specialmente alle necessità di chi stava in mezzo alla strada”. Don Pietro poi fa il raffronto con quanto accaduto durante il lockdown: “Tanto scalpore per l’orario della messa e noi non abbiamo celebrato la Veglia pasquale, che è fondamentale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Boom di ricerche per treni e aerei dopo il Dpcm. Aumentano i prezzi dei biglietti per il 19 e 20: è l’ultimo weekend di spostamenti

next
Articolo Successivo

Stadio Maradona, i preti di Napoli contrari: “Resti San Paolo”. Ma l’impianto appartiene alla diocesi di Pozzuoli, che ha dato il via libera

next