I 993 morti di oggi stanno a significare che siamo ancora nel pieno di una epidemia che non dobbiamo assolutamente considerare sconfitta. Siamo pienamente dentro la crisi, quindi guai ad abbassare la guardia. Bisogna mantenere alta l’attenzione perché basta poco a far risalire la curva dei contagi”. Sono le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, intervistato da Corrado Formigli nella trasmissione “Piazzapulita”, su La7.

E spiega: “Il numero dei decessi è l’ultimo a mutare. Il primo dato che cambia è l’Rt, che nelle ultime settimane è sceso: quattro settimane fa era pari a 1,7, poi è passato a 1,4 e dopo a 1,2. Nell’ultima settimana era 1,08 e domani sarà annunciato un Rt pari a 0,91, quindi per la prima volta, dopo moltissime settimane, abbiamo un indice del contagio inferiore a 1. Questo è un dato molto importante, perché significa che inizia ad aversi una riduzione del numero dei contagiati”.

Speranza aggiunge: “Ci sono due verità con cui dobbiamo fare i conti e che apparentemente sono in contraddizione, ma non lo sono. La prima è che c’è ancora una situazione molto seria, cioè tanta pressione sui servizi sanitari e un numero di decessi molto alto, che purtroppo sarà l’ultimo ad abbassarsi rispetto agli altri. L’altra verità è che i segnali sono molto incoraggianti, quindi finalmente vediamo che le misure stanno avendo effetto e che la curva inizia a piegarsi, ma si piega in una situazione ancora molto complicata”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Gallavotti su La7: “Perdita olfatto? Può durare fino a 2 anni dall’infezione. Il recupero può portare anche ad allucinazioni olfattive”

next
Articolo Successivo

Covid, Galli su La7: “Nuovo dpcm? Non posso che essere d’accordo con queste misure. Conte mi è sembrato deciso e determinato”

next