Un’intimidazione in piena regola quella subita dal capitano del Foggia calcio Federico Gentile. Nella notte, qualcuno ha dato fuoco alla porta della sua abitazione, rischiando di provocare una vera e propria tragedia. Secondo quanto si apprende, il calciatore si trovava in casa assieme alla moglie e alle due figlie piccole, quando ha visto il fumo passare da sotto al porta d’ingresso. L’incendio è stato domato prima che potesse fare grossi danni ed espandersi al resto dell’abitazione, anche grazie all’aiuto dei vicini. Il Calcio Foggia 1920, ha espresso massima solidarietà verso il proprio capitano, condannando con fermezza il vile atto intimidatorio. Abbiamo a che fare con dei balordi. Non possiamo restare inermi dinanzi a un episodio così terribile e violento”, ha detto il sindaco di Foggia, Franco Landella.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 20.709 casi con oltre 200mila test: scende il tasso di positività. Calano ancora i ricoveri, ma i morti sono 684

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 30mila test rapidi donati a 6 comuni della costiera sorrentina. Ma i sindaci non sanno ancora come utilizzarli

next