“Oggi si discute della riforma del trattato Mes attualmente già in vigore”. Piero De Luca, deputato del Partito Democratico interviene durante l’audizione del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri per difendere l’operato del governo in Europa sulla modifica del trattato che diede avvio al Meccanismo Europeo di Stabilità. “La riforma del trattato attuale non il suo utilizzo – sottolinea il deputato dem – chi oggi è contrario alla riforma migliorativa di questo trattato sta dicendo che preferisce mantenere in vigore lo strumento già esistente creato tra il 2011 e 2012 negoziato da un governo di centrodestra che al proprio interno aveva ministri Bossi e Meloni e da tanti esponenti che oggi sono qui a fare gli smemorati e che muovono accuse a chi sta cercando di migliorare il trattato”. Una trattativa di riforma, rimarca De Luca in audizione, “avviata dal governo in cui il leader della Lega – Matteo Salvini – era vicepremier”. “Quel governo non aveva detto ‘No’ alla riforma, ma che aveva legato la riforma alla necessità di inserirla all’interno di un quadro più complesso di avanzamento dell’unione economica e monetaria”, aggiunge, sottolineando che “il percorso sta andando avanti”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Sicurezza, ok alla fiducia. M5s: “Decreti Salvini non hanno funzionato”. Protesta la Lega: “Dignità vale più della poltrona”

next
Articolo Successivo

Natale, la bozza Ue: “Valutare divieto messe”. La proposta delle Regioni in vista del Dpcm: sì agli spostamenti tra zone dello stesso colore

next