“Da settimane sapevamo che eravamo a rischio. Anche se da ormai un mese le uniche attività al suo interno erano quelle di magazzino per le spese solidali, e all’esterno di aula studio, ogni giorno avevamo a che fare con la Digos e con la polizia in borghese”. A parlare è Andrea, uno dei tanti ragazzi del Nuovo cinema Palazzo, che questa mattina ha partecipato al presidio di fronte all’edificio. Proprio oggi, infatti, la polizia ha iniziato lo sgombero dello storico cinema del quartiere San Lorenzo di Roma, occupato nel 2011 per impedire alla proprietà di trasformare lo stabile in un bingo e sala scommesse, presidiando Piazza dei Sanniti, e impedendo a chiunque, eccetto i residenti, di passare.

Di fronte all’edificio insieme a lui decine di persone, tra abitanti del quartiere e attivisti. E tra questi anche il fumettista Michele Rech, in arte Zero Calcare. “Il Nuovo cinema Palazzo è stato uno dei polmoni di questo quartiere, uno dei posti che ha resistito alla speculazione edilizia alla trasformazione di San Lorenzo in un quartiere solo da consumare – ha detto Michele Rech intervenuto al presidio degli occupanti – È un posto che mi ha dato tanto personalmente e il fatto che venga riconsegnato alla speculazione durante una pandemia, in più con una trattativa in corso, dà il senso di quanto poco l’amministrazione capisca i bisogni dei quartieri di questa città”. “È una grossa perdita anche per i bambini, lì trovavano lo spazio per rappresentarsi liberamente”, incalza una delle manifestanti. Nel pomeriggio, gli occupanti daranno vita a un corteo di protesta contro lo sgombero.

La mobilitazione degli attivisti iniziò nel 2011 quando artisti e associazioni occuparono il cinema con una staffetta di spettacoli e iniziative per evitare la trasformazione dello stabile in una sala scommesse. L’edificio però, era stato inserito dalla prefettura di Roma nella lista degli edifici da sgomberare entro il 2020.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Palermo bambina di 10 anni muore nell’ora di educazione fisica. Il medico legale: “Ha avuto un malore”. Lezioni sospese per lutto

next