Alessandra Mussolini ballerà con Samuerl Peron sabato sera nella finale di Ballando con le Stelle. Dopo che il suo ballerino Maykel Fonts è risultato positivo al Covid anche al terzo tampone a cui si è sottoposto, è stato necessario trovare per lei un nuovo partner, come ha annunciato Milly Carlucci stamattina in diretta a Storie Italiane. “Noi le abbiamo offerto, perché lei deve fare la finale, non è possibile dopo tutti i sacrifici che ha fatto che non faccia la finale, di ballare con Samuel Peron”, ha detto la conduttrice in collegamento su Rai 1 con Eleonora Daniele, riferendosi ad Alessandra Mussolini.

“Samuel è diventato il nostro santo protettore perché, se lui all’inizio è stato colui che ha dato origine a tutti i problemi, poi ci ha aiutato tanto, con Vittoria e con me quando sono stata ballerina per una notte. Adesso si è reso disponibile a fare disputare ad Alessandra questa finale. Certo che il tempo è pochissimo: c’è oggi, domani mattina e domani pomeriggio per mettersi in pari e imparare tutte le coreografie. Non è difficile per Samuel imparare tutte le coreografie, ma per Alessandra adattarsi a un’altra figura è complicato. Ci proviamo fino in fondo“.

E quando mancano ormai pochissime ore all’esibizione, l’ansia si fa palpabile: “Per fortuna le coppie finaliste in totale sono 7, perchè in tal modo se io e Samuel Peron non dovessimo farcela a preparare la coreografia, ce ne sarebbero comunque 6”, ha commentato infatti Alessandra Mussolini, senza nascondere la preoccupazione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Doc-Nelle tue mani è il ‘caso’ televisivo dell’anno. Ecco cosa ha scritto Luca Argentero

next
Articolo Successivo

AmaSanremo, Morgan arriva in ritardo: “Cercavo Bugo” e scoppia il caso del concorrente Nova accusato di presunto plagio

next