“Abbiamo riflettuto se fosse il caso di mostrare il grido del naufragio, il dolore e la disperazione. Abbiamo deciso di rendere pubblico quello che accade in quel tratto di mare perché i nostri occhi non siano i soli a vedere e perché si ponga fine a tutto questo subito”. Con queste parole l’Ong Open Arms ha deciso di accompagnare il video che mostra le immagini del naufragio avvenuto ieri nel Mediterraneo nel quale hanno perso la vita sei persone, tra cui un bimbo di sei mesi. Nelle immagini la mamma del neonato, che si dispera urlando di aver “perso il suo bambino“. Il piccolo si chiamava Joseph e veniva dalla Guinea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, a Padova l’ospedale in cui vengono assistiti gli under 15. In un mese 17 ricoverati, alcuni dei quali già con patologie pregresse

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 37.978 casi con 234mila tamponi. Altri 636 morti. Sale il tasso positivi-test. Contagi record in Umbria e Marche

next