Da qualche giorno a Roma è possibile effettuare il tampone rapido direttamente dal proprio dottore. “Gli studi medici che hanno aderito e sono stati dotati di kit al momento sono 20. I medici che hanno fatto domanda come volontari sono invece 400“, spiega Pier Luigi Bartoletti, vicepresidente nazionale Fimmg (Federazione medici di medicina generale). Un primo passo dunque, che da esecuzione a un bando della Regione Lazio di inizio ottobre per estendere la rete di screening del territorio e smaltire le lunghe code dei drive-in.

Negli studi si eseguirà il tampone rapido antigenico che permette di ricevere una risposta dopo soli 30 minuti dal prelievo. “Testiamo chi è in uscita dalla quarantena o chi ha sintomi lievi, come raffreddore, congiuntivite o qualche colpo di tosse”, chiarisce Fabrizio Rossi, medico di famiglia a Casalpalocco, nella periferia sud ovest di Roma. Il risultato viene condiviso con il sistema sanitario territoriale: “Facciamo una certificazione di avvenuto tampone – specifica il medico – e segnaliamo la positività su una piattaforma della Regione Lazio“.

Il test ha un’affidabilità “superiore al 90%“, rassicura Bartoletti, «l’importante è avere un buon kit ed eseguirlo bene». La seconda ondata dell’epidemia per il vicepresidente Fimmg “è stata peggiore della prima”. Rispetto a marzo, “la malattia si è diffusa nelle case e il focolaio domiciliare richiede un’organizzazione totalmente diversa da quella che avevamo prima”. Intanto i medici di famiglia premono per avere più kit. “Abbiamo tanta richiesta” rivela Rossi, che infine ammette: “Siamo un po’ in ritardo, è un peccato perché purtroppo potevamo fare di più”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Johnny lo zingaro, 4 arresti per l’evasione di Giuseppe Mastini dal carcere di Sassari: tra loro anche la fidanzata

next
Articolo Successivo

Pirateria online, oscurati oltre 5.500 siti illegali e canali Telegram: truffa da 10 milioni, 15 indagati prendono reddito di cittadinanza

next