Dopo quattro mesi consecutivi di crescita la produzione italiana registra un calo del 5,6% a settembre rispetto ad agosto e del 5,1% sull’anno prima. La flessione segue il piccolo boom di agosto (+7,7%). Giusto tenere presente che in questo periodo, fortemente influenzati dall’epidemia e dalle misure di contenimento, i dati invecchiano alla velocità della luce e difficilmente forniscono indicazioni di una tendenza. L’Istat ricorda come nonostante il calo di settembre il trimestre iniziato a luglio mantiene un forte segno positivo (+28,6%) rispetto al precedente trimestre caratterizzato dal lockdown Covid. Rispetto a febbraio 2020, mese immediatamente precedente l’esplosione della crisi, il livello della produzione è inferiore di circa il 4% mentre, in termini tendenziali, l’indice corretto per gli effetti di calendario è più basso del 5,1%.

In settembre i cali peggiori hanno interessato l’industria tessile, abbigliamento e pelletteria (- 20,8% rispetto a settembre 2019), il settore petrolifero (- 20,4%) e la meccanica (- 11,9%). Variazioni quasi nulle invece per l’elettronica, gomma e plastica, industria alimentare (- 1%). In crescita (+ 2,7%) le attività estrattive.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Joe Biden e le notizie sul vaccino scatenano l’euforia delle borse. Dow Jones + 5%, Milano chiude a + 5,4%. Btp ai minimi storici

next
Articolo Successivo

Scivolone dell’industria italiana: a settembre passa da prima a ultima nell’area euro. Commercialisti: “460mila Pmi a rischio”

next