Un suocero gelido e spietato, incurante – come il resto della famiglia – della sofferenza della nuora all’interno del matrimonio. Così è sempre stato dipinto il principe Filippo nei confronti di Diana, ma alcune lettere private mostrerebbero l’esatto opposto: nei mesi precedenti al divorzio, il Duca di Edimburgo aveva preso le parti della nuora, giudicando “sciocca” la scelta di Carlo di lasciarla per Camilla Parker-Bowles (che avrebbe poi sposato nel 2005) e offrendosi di aiutarla in ogni modo, facendo perfino da mediatore. A pochi giorni dall’uscita della quarta stagione della serie Netflix The Crown – incentrata sull’arrivo di Lady D. e sul matrimonio con l’erede al trono – la principessa è di nuovo sotto i riflettori, ed emergono nuovi dettagli sul rapporto che aveva con la famiglia reale. In particolare, su ciò che il principe Filippo pensava di lei.

L’idea che i due fossero in pessimi rapporti nasce dalle dichiarazioni che, nel 2008, un’amica di Diana fece alla stampa: disse che dopo la separazione Filippo aveva rivolto alla nuora “parole piene di crudeltà e disprezzo”. Una confidenza fatta in un momento d’ira? Un semplice gossip montato ad arte? Da palazzo si erano affrettati a smentire, affermando che il principe Filippo aveva contattato Diana, sì, ma solo per offrirle il suo supporto per il tradimento che aveva dovuto sopportare. Ma intanto il pettegolezzo, vero o falso che fosse, aveva fatto presa sul pubblico. Finché non sono venute fuori le loro lettere private, esaminate dalla commissione d’inchiesta che doveva far luce sulla morte di Lady D. Il primo a darne notizia è stato, due anni fa, il tabloid inglese Express, e poi sono state citate di nuovo durante un episodio di un documentario francese, Secrets D’Historie (France 3) che nelle scorse stagioni ha provato a capire cosa accadeva dietro le porte chiuse di Buckingham Palace.

La principessa di Galles scriveva al suocero per chiedere aiuto: il suo matrimonio era appeso a un filo, Carlo voleva lasciarla per Camilla – che non aveva mai smesso di frequentare, né prima né dopo il matrimonio – e lei sprofondava nell’infelicità. E lui le rispondeva senza girare intorno alla questione: “È sciocco che un uomo del rango di Carlo rischi tutto per Camilla”. Il Duca promise a Diana di “fare tutto il possibile”, se glielo avesse permesso, per aiutare lei e Carlo, pur ammettendo di non avere “un gran talento da consigliere matrimoniale”.

Com’è consuetudine nella famiglia reale, Diana iniziava le sue lettere (tutte scritte a mano) con le parole “Caro Papà…”. Diana aveva il permesso di chiamare “mamma” anche la suocera, la Regina: il particolare di per sé quindi non svela molto, ma gli esperti assicurano che il tono della corrispondenza è tutt’altro che gelido. Anzi, era molto affettuoso. E sottolineano quanto sia rivoluzionario che il Duca di Edimburgo prendesse esplicitamente una posizione: “Non avremmo mai immaginato che avrebbe potuto lasciarti per quella donna. Un’assurdità del genere non ci è mai neanche passata per la testa”.

Anche la quarta stagione di The Crown, in uscita su Netflix il 15 novembre, suggerisce che Filippo sia stato sinceramente affezionato alla nuora: nessuno meglio di lui capiva la difficoltà di adattarsi alle regole della famiglia reale, e di esserne sempre considerati ‘estranei’. Lui stesso, sposando Elisabetta, aveva dovuto rinunciare ai suoi titoli e al suo cognome. E aveva dovuto accettare di dover vivere sempre un passo indietro alla moglie, sacrificando le sue inclinazioni, le sue passioni, le sue ambizioni. Esattamente come Diana, che pure all’inizio sembrava quella giusta: non è un segreto che Carlo abbia ceduto alla pressione della famiglia, portando all’altare una ragazza appena ventenne che aveva visto una manciata di volte. Ma che era perfetta per rango, aspetto e temperamento. E che, soprattutto, piaceva tanto a papà.

Tra il rapporto gelido e l’idillio familiare, però, è possibile che la verità stia nel mezzo: in quelle stesse lettere Filippo diceva esplicitamente a Diana di non approvare “le relazioni extraconiugali di entrambi” e la invitava a farsi un esame di coscienza: “Guardando nel profondo di te stessa, puoi dire in tutta onestà che la relazione di Carlo con Camilla non abbia a niente a che vedere con il modo in cui tu ti sei comportata nel matrimonio?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iva Zanicchi, ricoverata in ospedale per il Covid, chiede agli infermieri: “Secondo voi morirò?”

next
Articolo Successivo

Angela da Mondello di “Non ce n’è Coviddi” è indagata dalla polizia per il suo videoclip: ecco di cosa è accusata

next