Il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, in audizione alla commissione Affari sociali di Montecitorio ha parlato del tema della raccolta dei dati dei dati relativi all’epidemia in corso e della loro della diffusione. “È una sfida per il nostro Paese perché non abbiamo un sistema informatizzato e online di raccolta dati. Abbiamo realtà locali, regionali e nazionali molto miste tra loro, dove permangono realtà con situazioni cartacee. Questa è una delle fragilità del Paese preesistente e che il Covid19 ha messo a nudo”.

Sulla diffusione dei dati che riguardano la situazione epidemiologica del nostro Paese, Brusaferro ha affermato che da parte dell’Iss “c’è la massima disponibilità alla diffusione dei dati”. Ha anche sottolineato che “la sorveglianza sul sistema Covid è stata attivata attraverso un’ordinanza della Protezione civile di fine febbraio, ordinanza che ci proibiva, in quanto non prevista, la possibilità di trasmettere i dati. Per come era stata realizzata, l’ordinanza rendeva anche problematica la trasmissione dei dati agli organismi internazionali. Siamo intervenuti – spiega Bruseferro ai deputati – Borelli ha aggiornato l’ordinanza e oggi questa ci consente di garantire la trasmissione dei file”. Quindi, conclude, “si tratta solo di fare una domanda e noi li rendiamo disponibili“. Sul punto, il presidente dell’Istituto superiore di sanità aggiunge: “Ci sono anche dati che producono le Regioni che noi elaboriamo e che validiamo assieme. E che vengono restituite alle Regioni, e anche loro nella loro autonomia e libertà, possono decidere di rendere pubblici“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Brusaferro: “Fase di escalation, alcune Regioni oltre soglia ricoveri”. Cartabellotta: “Siamo in ritardo, è peggio di marzo”

next
Articolo Successivo

Troppi morti per Covid a Milano, cremazione solo per i residenti (come a marzo). “Si è passati da 46 decessi al giorno a picchi di 80”

next