“Attualmente abbiamo nove pazienti ricoverati in condizioni critiche nella terapia intensiva. Stiamo allestendo velocemente dodici posti letto nel blocco operatorio”. Così Marco Serini, coordinatore del reparto Covid dell’ospedale San Filippo Neri di Roma, racconta l’allarme che il presidio sta vivendo nelle ultime settimane. “È un’esplosione che non ci aspettavamo “, confessa, raccontando di “personale ridotto all’osso” e di un impatto molto diverso da quello della prima ondata, simile “a quello che vedevamo a Bergamo”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Video dentro la terapia intensiva di Pavia: ‘Di nuovo nel baratro. E davanti non c’è l’estate. Ora preadolescenti con quadro clinico come gli adulti’

next
Articolo Successivo

Ecco come si propaga il coronavirus dopo un colpo di tosse (in una stanza chiusa): la video-simulazione del Bambino Gesù di Roma

next