“Attualmente abbiamo nove pazienti ricoverati in condizioni critiche nella terapia intensiva. Stiamo allestendo velocemente dodici posti letto nel blocco operatorio”. Così Marco Serini, coordinatore del reparto Covid dell’ospedale San Filippo Neri di Roma, racconta l’allarme che il presidio sta vivendo nelle ultime settimane. “È un’esplosione che non ci aspettavamo “, confessa, raccontando di “personale ridotto all’osso” e di un impatto molto diverso da quello della prima ondata, simile “a quello che vedevamo a Bergamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Video dentro la terapia intensiva di Pavia: ‘Di nuovo nel baratro. E davanti non c’è l’estate. Ora preadolescenti con quadro clinico come gli adulti’

next
Articolo Successivo

Ecco come si propaga il coronavirus dopo un colpo di tosse (in una stanza chiusa): la video-simulazione del Bambino Gesù di Roma

next