“La prima ondata era arrivata alla fine dell’inverno, mentre adesso siamo in autunno. Speriamo di non dover aspettare la primavera per rallentare”. Il dottor Francesco Mojoli è il direttore di Anestesia e rianimazione della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. Negli ultimi giorni, l’aumento dei ricoveri ha costretto l’ospedale a convertire delle rianimazioni dedicandole al Covid. A oggi ci sono 115 pazienti, di cui 26 in terapia intensiva. Ma è una crescita continua. “Ogni tre giorni aumentiamo di 15-20 posti letto Covid” spiega il direttore generale Carlo Nicora mentre aggiorna il conto dei ricoveri. E “rispetto a marzo e aprile vediamo dei pazienti leggermente più giovani”. Pochi metri più in là il professor Gianluigi Marseglia dirige la clinica pediatrica: “Siamo ripiombati in un baratro. Rispetto alla prima ondata abbiamo il reparto pieno e ricoveriamo bambini in età adolescenziale con quadri clinici come quelli dell’adulto che ci mettono a dura prova”. Quello che preoccupa è la lunghezza di questa “battaglia”. L’appello ai cittadini che arriva dai medici impegnati in prima linea è quello di rispettare le regole semplici, forse un pochino fastidiose, ma che sono di enorme aiuto nel limitare i contagi e di mettere troppo sotto pressione il sistema sanitario”

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“È un’esplosione che non ci aspettavamo, personale ridotto all’osso”, l’allarme dell’ospedale San Filippo Neri di Roma

next