“La prima ondata era arrivata alla fine dell’inverno, mentre adesso siamo in autunno. Speriamo di non dover aspettare la primavera per rallentare”. Il dottor Francesco Mojoli è il direttore di Anestesia e rianimazione della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia. Negli ultimi giorni, l’aumento dei ricoveri ha costretto l’ospedale a convertire delle rianimazioni dedicandole al Covid. A oggi ci sono 115 pazienti, di cui 26 in terapia intensiva. Ma è una crescita continua. “Ogni tre giorni aumentiamo di 15-20 posti letto Covid” spiega il direttore generale Carlo Nicora mentre aggiorna il conto dei ricoveri. E “rispetto a marzo e aprile vediamo dei pazienti leggermente più giovani”. Pochi metri più in là il professor Gianluigi Marseglia dirige la clinica pediatrica: “Siamo ripiombati in un baratro. Rispetto alla prima ondata abbiamo il reparto pieno e ricoveriamo bambini in età adolescenziale con quadri clinici come quelli dell’adulto che ci mettono a dura prova”. Quello che preoccupa è la lunghezza di questa “battaglia”. L’appello ai cittadini che arriva dai medici impegnati in prima linea è quello di rispettare le regole semplici, forse un pochino fastidiose, ma che sono di enorme aiuto nel limitare i contagi e di mettere troppo sotto pressione il sistema sanitario”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“È un’esplosione che non ci aspettavamo, personale ridotto all’osso”, l’allarme dell’ospedale San Filippo Neri di Roma

next