Uno dei due medici cinesi con la pelle del viso diventata marrone scura, e finito in terapia intensiva per il Covid in Cina a fine gennaio 2020, è tornato finalmente a passeggiare in pubblico ed è andato a trovare il medico che l’ha salvato. Come molti ricorderanno il 42enne dottor Yi Fan, assieme al collega Hu Weifeng, lavoravano come medici al Central Hospital di Wuhan. Insieme avevano collaborato con il dottor Li Wengliang, il medico oftalmologo che già nel dicembre 2019 lanciò l’allarme sulla pericolosità di un nuovo virus, ma che i primi di gennaio 2020 fu punito dalle autorità cinesi per procurato allarme, e che poi morì proprio di Covid.

Yi e Hu sono stati infettati dal Coronavirus e ricoverati in quei giorni in condizioni critiche al Tongji Hospital sempre di Wuhan. Mentre le foto dei loro visi diventati marrone scuro per gli effetti sul fegato dei farmaci assunti per combattere il Covid hanno fatto il giro del mondo, Hu Weifeng è deceduto in maggio. Yi invece si è salvato e ad aprile 2020 è tornato a camminare anche solo nella sua stanza d’ospedale. Solo oggi, a fine ottobre 2020, a otto mesi dal contagio, è stato protagonista di un servizio di Hubei Today dove lo si vede incontrare il medico che l’aveva curato e salvato in primavera. Yi dà la mano e abbraccia il collega. Tutto ovviamente senza mascherina, visto che in Cina, ad oggi, l’allerta virus si è finalmente conclusa.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cacciatore gli spara alla testa per errore: 18enne muore mentre guarda il tramonto con la sua fidanzata

next
Articolo Successivo

Ragazzo di 12 anni attaccato da un raro squalo a rischio estinzione: ha perso un braccio ed è in terapia intensiva

next