Un ragazzo di 12 anni ha perso un braccio dopo esser stato attaccato da uno squalo a rischio estinzione mentre nuotava nelle acque del Mar Rosso, vicino a Sharm El-Sheikh, in Egitto. È successo domenica 25 ottobre nell’area del Parco Nazionale Ras Mohammed: il ragazzino, un giovane turista ucraino in vacanza con la famiglia, stava facendo un’escursione assieme a una guida locale quando il predatore, un raro squalo longimano di 2 metri, li ha attaccati all’improvviso. La guida, un egiziano, ha perso una gamba, la madre ha riportato ferite lievi mentre il 12enne è stato quello ferito più gravemente: trasportato d’urgenza in ospedale, gli è stato amputato un braccio ed è ora ricoverato in terapia intensiva.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In terapia intensiva per il Covid, si era risvegliato con la pelle scura: ecco come sta ora il medico-eroe di Wuhan

next
Articolo Successivo

Dice loro di usare mascherina e gel disinfettante, lo accoltellano 27 volte: arrestate due sorelle 20enni

next