Un ragazzo di 12 anni ha perso un braccio dopo esser stato attaccato da uno squalo a rischio estinzione mentre nuotava nelle acque del Mar Rosso, vicino a Sharm El-Sheikh, in Egitto. È successo domenica 25 ottobre nell’area del Parco Nazionale Ras Mohammed: il ragazzino, un giovane turista ucraino in vacanza con la famiglia, stava facendo un’escursione assieme a una guida locale quando il predatore, un raro squalo longimano di 2 metri, li ha attaccati all’improvviso. La guida, un egiziano, ha perso una gamba, la madre ha riportato ferite lievi mentre il 12enne è stato quello ferito più gravemente: trasportato d’urgenza in ospedale, gli è stato amputato un braccio ed è ora ricoverato in terapia intensiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In terapia intensiva per il Covid, si era risvegliato con la pelle scura: ecco come sta ora il medico-eroe di Wuhan

next
Articolo Successivo

Dice loro di usare mascherina e gel disinfettante, lo accoltellano 27 volte: arrestate due sorelle 20enni

next