Pochi giorni fa questo sito ha svelato alcune misure di sicurezza messe in atto dalla Fascino di Maria De Filippi per contrastare l’emergenza sanitaria per il Coronavirus. All’esterno degli studi Elios di via Tiburtina è presente “un ospedale da campo” con a disposizione personale qualificato. Chiunque abbia accesso agli studi, per qualsiasi tipo di impegno, deve sottoporsi al test sierologico e, come accade ormai ovunque, c’è il controllo della temperatura. Oltre al tampone ai lavoratori del gruppo e ai volti noti presenti nei cast delle trasmissioni.

A Uomini e Donne si ricorre al plexigas e a mascherine, quest’ultime non più trasparenti dopo essere state valutate dal Comitato Tecnico Scientifico come non sicure. Il date show, in onda su Canale 5 con ottimi ascolti, ha deciso di fare un passo avanti vietando da ora in avanti per le prossime esterne e per le registrazioni in studio baci tra i protagonisti. La notizia è stata comunicata dal sito Il vicolo delle news con riferimento a una registrazione avvenuta sabato 24 ottobre, una decisione comunicata dalla padrona di casa e nata ovviamente per motivi di sicurezza.

Una scelta che in qualche modo condizionerà il percorso dei tre tronisti Davide Donadei, Gianluca De Matteis e Sophie Cadegnoni che hanno avuto modo di baciare chi li sta corteggiando nel corso delle settimane. Al momento non è chiaro se la regola varrà anche per il trono over, dove il meccanismo differisce con dame e cavalieri che si incontrano anche all’esterno senza telecamere, dove possono dunque scegliere liberamente se avere o meno contatti. L’introduzione del divieto dei baci più che una novità è da considerare un passo indietro, un ritorno ai mesi più caldi in lockdown. La tronista Giovanna Abbate dopo aver scelto il corteggiatore Sammy Hassan non aveva potuto baciarlo in studio, il contatto avvenne ma con la mascherina.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elisabetta Gregoraci, ecco qual è il suo segreto di cui si parla nella casa del Grande Fratello Vip

next
Articolo Successivo

Barbara D’Urso furiosa: “Questa è casa mia, si fa quello che decido io”. Ecco cosa è accaduto

next