Colpo di scena nella puntata di lunedì 26 ottobre de L’Aria che Tira, su La7: in studio c’era David Parenzo, mentre la conduttrice Myrta Merlino era in collegamento da casa. Il motivo? È stata lei stessa a spiegarlo al pubblico: “Un nostro autore, Francesco Magnani, è diventato positivo, sta bene e gli facciamo un grande in bocca al lupo, però abbiamo dovuto applicare il protocollo. Io sto bene, ho fatto il primo tampone ed è negativo, aspetto di fare il secondo“. Insomma, l’assenza della giornalista è dovuta al fatto che anche lei si trova in isolamento fiduciario dopo un caso di contagio di coronavirus accertato nella redazione del programma. Nel frattempo in studio sarà presente Parenzo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barbara D’Urso, crisi di ascolti: i suoi tre programmi ‘sconfitti’ dalla concorrenza. Non è il caso di “ridimensionare” la sua presenza?

next
Articolo Successivo

Il Collegio torna su Rai2, la prof. Petolicchio a FqMagazine: “Nessun copione, tutto avviene con la massima spontaneità. Io severa? Sì, anche tanto”

next