Una decostruzione del lusso. Una critica al consumismo. Una riflessione sulla caducità della moda. Sembrano un paio di innocenti collant strappati, reduci da una serata brava, e invece le calze smagliate di Gucci sono oggetto di elaborate interpretazioni filosofiche da parte delle fashion victim, che d’altra parte qualcosa devono inventarsi per giustificare la spesa di 140 euro per mezzo metro di lycra con i buchi.

Il genio di Alessandro Michele, direttore creativo della maison fiorentina, colpisce ancora: mentre mezzo mondo si indignava sui social (“Ne ho un cassetto pieno, ora le vendo anche io”) l’altra metà correva a comprarle. Risultato: introvabili. “Tous vendus”, recita il sito di e-commerce francese Ssense, l’unico in cui si può vedere il prodotto.

Gucci ci aveva già provato con i jeans già macchiati d’erba (650 euro) che avevano l’indiscutibile merito di autorizzare tutti noi comuni mortali a smettere di smacchiare a mano e prelavare. “No, non è macchiato, è Gucci”. Un po’ come succedeva venti anni fa per i jeans strappati a regola d’arte dagli stilisti: ora è il turno delle calze, che già Heidi Slimane aveva mandato in passerella. Sembravano l’antimoda, e invece le calze (peggio ancora, i calzini) sono diventati uno degli accessori feticcio di Gucci da quelle di lana grossa, portate con i tacchi e con i sandali a quelli di cotone bianchi (proprio loro, la kryptonite di ogni signorina alla moda) vengono venduti a 110 euro.

Chi invece contesta l’inutilità di un paio di calze già rotte verrà rassicurato dal sapere che sul podio degli oggetti del desiderio del 2019 c’era la minibag di Jaquemus: così piccola che a stento conteneva il rossetto, ma tranquillamente in grado di portar via mezzo stipendio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fashion Week al tempo del Covid. È finita un’era. Ma facciamo finta di niente

next
Articolo Successivo

L’abito che Jill Biden indossava la sera della vittoria del marito? Esaurito in poche ore. A un prezzo non abbordabile

next