Un “incubo durato tutta la notte”. Così Lory Del Santo ai microfoni di Rai Radio2, durante la trasmissione I Lunatici, ha raccontato di un episodio della sua vita finora mai rivelato. L’attrice ha confessato di essere stata “picchiata e abusata” all’interno di una stanza di un hotel, ma di non aver mai denunciato, anche se avrebbe dovuto farlo, “per paura”.

L’incontro con il suo carnefice è avvenuto grazie ad amici in comune: “Ci eravamo conosciuti al ristorante, si rideva, si scherzava, tu pensi sempre che se una persona ti viene presentata da qualcuno che conosci sia una persona perbene – racconta Del Santo – Lui mi disse che aveva dimenticato una cosa in hotel e mi invitò a salire“. Una volta arrivati in stanza, però, dice ancora l’attrice, “questa persona era pazza, mi ha picchiato, abusato, poi mi ha fatto fare il bagno con i petali di rose”. “Ho pensato che a un certo punto si sarebbe addormentato, così è stato – continua ancora Del Santo – Appena ho visto che dormiva sono scappata. Lui se ne è accorto, mi ha rincorso, ma io sono scappata via verso l’uscita. Ho subito una violenza fisica e psicologica. I petali di rose, il profumo nell’acqua, era un pazzo”. Uscita dall’hotel “mi sono sentita libera”, anche se, “ho deciso di non denunciare, di dimenticare”, nonostante in queste occasioni sia fondamentale la denuncia.

A far aprire Del Santo un’altra vicenda: quella della 22enne Sara Croce e del miliardario iraniano Hormoz Vasfi, di 56 anni. Invitata a commentare l’attrice ha raccontato dei molti uomini ricchi che ha conosciuto nella sua vita, iniziando così il racconto choc.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Gli scontri a Napoli puzzano di camorra”: il tweet di David Parenzo fa infuriare Guido Crosetto. E parte il botta e risposta

next
Articolo Successivo

Luca Toni assalito e derubato in casa: “Erano tre malviventi, indossavano passamontagna e avevano armi”

next