L’ex calciatore Luca Toni è stato derubato in casa nella sua villa di Montale, in provincia di Modena. A raccontare le due ore di paura “tra le 19,30 e le 21,30 di giovedì sera”, lo stesso ex calciatore sui social. A introdursi in casa sua “tre malviventi che indossavano passamontagna e che avevano armi”.

“La cosa che conta di più è che la mia famiglia sta bene, non ci hanno fatto del male pur avendo subito tutti un bel trauma e un forte spavento“, ha spiegato il campione del mondo. “Dispiace anche il fatto che i malviventi mi abbiano portato via beni preziosi ma soprattutto affettivi – ha continuato – A seguito della rapina sono intervenute le forze dell’ordine probabilmente chiamate dai vicini insospettiti da una macchina in movimento nella mia via”. La vigilanza, invece, “non si è accorta di nulla”. Toni ha concluso: “Chiedo rispetto e privacy per me e la mia famiglia in questo momento. Grazie a tutti”.

Visualizza questo post su Instagram

Siccome sta circolando la notizia , volevo comunicare che giovedì sera tra le 1930 e le 2130 ho subito una rapina in casa da parte di tre malviventi che indossavano passamontagna e armi .La cosa che conta di più è che la mia famiglia sta bene ,non ci hanno fatto del male pur avendo subito tutti un bel trauma e un forte spavento.Dispiace anche il fatto che i malviventi mi abbiano portato via beni preziosi ma sopratutto affettivi.A seguito della rapina sono intervenute le forze dell ordine probabilmente chiamate dai vicini insospettiti da una macchina in movimento nella mia via;la vigilanza non si è accorta di nulla.Chiedo rispetto e privacy per me e la mia famiglia in questo momento.grazie a tutti

Un post condiviso da Luca Toni (@luca_toni.9) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il racconto choc di Lory del Santo: “Picchiata e abusata per tutta la notte in un hotel. È stato un incubo”

next
Articolo Successivo

Canzoni, assembramento e niente mascherina: polizia chiude per cinque giorni un locale di Verona dopo una serata karaoke

next