Da mesi la tv fa i conti con il Coronavirus, tra cancellazioni, slittamenti, emergenze, nuove formule, assenza di pubblico e chi più ne ha più ne metta. Soprattutto, come accade per ogni settore, aumenta il numero dei contagi: così negli ultimi giorni hanno comunicato la positività al Covid-19 Antonio Ricci, papà di Striscia la notizia, Roberta Rei e Giulio Golia, inviati de Le Iene, problemi anche per Alessia Marcuzzi, risultata negativa dopo un primo test in cui era debolmente positiva.

“Ci sarebbero sette positivi tra tecnici e collaboratori allo studio tre di Via Teulada da dove vanno in onda Oggi è un altro giorno di Serena Bortone e La Vita in Diretta di Alberto Matano”, fa sapere il sito Dagospia. Una situazione di emergenza in Rai nelle ultime ore, con valutazioni ovviamente in corso: “La task force Rai sta cercando di capire se dare il via libera alla messa in onda dei programmi o sospendere le attività dello studio e mettere tutti in quarantena“, si legge nello stesso flash del sito diretto da Roberto D’Agostino. Come detto i due contenitori pomeridiani condividono lo stesso studio, di conseguenza la presenza di alcune figure professionali, stando alle nostre fonti al momento non risulterebbero collaboratori positivi al Covid nel gruppo di lavoro de La Vita in Diretta.

Il programma, ieri assente giustificato per lasciare spazio a Papa Francesco, da quanto apprende IlFattoQuotidiano.it dovrebbe essere regolarmente in onda alle 17.05. Lo stesso discorso dovrebbe valere per lo spazio guidato da Serena Bortone ma decisioni definitive saranno prese a breve. Lunedì sera un caso di positività a Otto e mezzo aveva portato Lilli Gruber a condurre il talk show da remoto dalla sua abitazione, esperimento testato in precedenza anche da SkyTg24.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Galli a CartaBianca: “Io, asmatico, candidato a fare una brutta malattia. Ma sto al mio posto”

next
Articolo Successivo

Se sentivate la mancanza di Beppe Fiorello, questo è l’articolo che fa per voi

next