“Il Pergamon Museum è il trono di Satana, il centro della scena satanista globale e criminale del coronavirus“. Così diceva il 39enne Attila Hildmann, complottista ritenuto dalla polizia il responsabile di un attacco ad alcuni degli edifici dell’Isola dei Musei di Berlino, in Germania. A dare la notizia è il quotidiano tedesco Bild, citando Dlf e Die Zeit: almeno 70 le opere d’arte danneggiate. L’episodio si è verificato lo scorso tre ottobre ma la notizia si è appresa solo ora perché polizia e musei hanno voluto tenere il massimo riserbo.

Secondo quanto si apprende a esser stati colpiti sono stati il Pergamon Museum, il Neues Museum e l’Alte Nationalgalerie. Secondo Bild, i sospetti potrebbero cadere sul 39enne Attila Hildmann, ritenuto un complottista. Secondo le informazioni, l’uomo aveva più volte affermato che il Pergamon Museum ospitasse il “trono di Satana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attaccata da una mandria di mucche, 61enne muore davanti alla famiglia: “Scaraventata in aria come una bambola di pezza”

next
Articolo Successivo

Nuovo scandalo nel sottomarino militare: “Ufficiale si presenta ubriaco e con un cartoccio di pollo”

next