Andrà tutto bene” stampigliato all’entrata del campo di concentramento di Auschwitz al posto de “il lavoro rende liberi”. Un tweet inappropriato e sconcertante di Alessandro Meluzzi scatena un putiferio sul web. La foto in bianco e nero di quel maledetto cancello, tragico simbolo dello sterminio nazista, è finita nel mare magnum dei social, ovviamente ritoccata, con un senso che non riusciamo ancora a comprendere (la comunicazione sulla pandemia è nazista? boh). Tweet che è rimasto online per diverse ore fino a quando dal profilo dell’Auschwitz Memorial è arrivato un commento definitivo: “Certe cose feriscono le persone. È irrispettoso verso la memoria delle vittime e causa dolore ai sopravvissuti che sono stati spinti ad attraversare a piedi questo cancello. Non si dovrebbe strumentalizzare la sofferenza di persone uccise per farsi pubblicità”. Il tweet incriminato all’improvviso viene così cancellato da Meluzzi, ma oramai ha fatto il giro del mondo. Raggiunto dal FqMagazine attraverso uno scambio di sms, il celebre psichiatra, ex deputato di Forza Italia, e ospite fisso a Quarto Grado di Rete4 scrive: “Certamente non è un tweet creato da me. Non lo ricordo neppure. Tendenzialmente ritwitto anche gli insulti personali a me per stimolare la discussione”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ezio Greggio non prende bene una critica web e reagisce: “Sembri una rolata di vitello, pelle da tacchino”

next
Articolo Successivo

Battaglia legale tra Miguel Bosé e l’ex compagno per la paternità dei quattro figli

next