Bagarre social tra Ezio Greggio e un commentatore. Come ormai è noto il film “Lockdown all’italiana” aveva suscitato furiose polemiche già prima della sua uscita, il 15 ottobre: il motivo l’ira degli utenti del web è l’uso improprio della tragedia del Covid-19 per far ridere gli spettatori. Ora, c’è chi critica il film anche per la sua “qualità” e così un utente ha risposto a Ezio Greggio, tra i protagonisti della pellicola: “Ma chi ti ha fatto i complimenti? Gli amici del tuo mondo fantastico? Sei cotto Ezio… non fai più ridere da 30 anni, incastrato in un ruolo dal quale non puoi più uscire perché semplicemente non sai fare altro”. Apriti cielo. Il conduttore di Striscia la Notizia non ha usato mezzi termini: “A giudicare dalla tua foto profilo in cui sembri una rolata di vitello, sei tu che sembri cotto. Ciao fake, chiuso in un fornello: fatti mettere ancora un po’ di margarina perché la tua pelle sembra quella di un tacchino spiumato”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Alessandro Meluzzi e lo sconcertante tweet su Auschwitz

next