Era ansioso di tornare a fare comizi, e aveva già annunciato che sabato 10 ottobre sarebbe stato in Florida. Ma nel giorno in cui aveva detto che si sarebbe sottoposto al tampone per verificare se è ancora positivo al Covid, Donald Trump rinvia la ripresa della sua campagna elettorale a lunedì, come ha scritto – annunciandolo – John Roberts di Fox su twitter. La portavoce della Casa Bianca Kaileigh McEnany, anche lei positiva, aveva dichiarato che sarebbe stata “dura” organizzare un comizio per sabato, aggiungendo che il presidente “non sarà in pubblico se può ancora trasmettere il virus. Ma, ha detto senza alcuna base scientifica, potete essere sicuri che il test mostrerà” che il virus “non è trasmissibile”. Intanto non c’è certezza sulle reali condizioni di salute del presidente dopo le dimissioni dal Walter Reed hospital, ma lui continua a rassicurare: “È incredibile – ha detto nel corso di una trasmissione radiofonica -. Sto meglio di due settimane fa (la notizia della sua positività risale al 1° ottobre, ndr), ho recuperato immediatamente ma i media fake news non ne parlano”.

E mentre lui si dichiara in forma e pronto a riprendere la campagna elettorale, i democratici alla Camera presentano una legge per creare una commissione che valuti la capacità del presidente di svolgere il proprio lavoro. La commissione sarà permanente, anche per le future amministrazione, ma è evidente il riferimento a Donald Trump che secondo la speaker democratica della Camera Nancy Pelosi “al momento è, diciamo, in uno stato alterato”.

La legge, presentata da Jamie Raskin, deputato democratico e docente di diritto costituzionale, si fa riferimento al fatto che il 25esimo emendamento che prevede la possibilità del trasferimento dei poteri nel caso in cui il presidente sia “incapacitato”, dà al Congresso l’autorità di creare “un organismo” che lavori con il vice presidente per rimuovere un presidente definito “non in grado di svolgere le proprie funzioni e compiti”. “Questo non è per Trump, lui dovrà affrontare il giudizio degli elettori – ha detto oggi Pelosi – ma lui ha mostrato la necessità di creare un processo del genere per i futuri presidenti”. La proposta ha comunque tutto un valore politico dal momento che viene presentata a poche settimane dal voto e non ha nessuna possibilità di essere approvata da questo Congresso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Usa, ok di Biden e Trump sul rinvio del dibattito al 22 ottobre. Grandi elettori: candidato dem in forte vantaggio

next