Oggi gli attivisti dei Fridays For Future sono di nuovo in piazza in tutta Italia. In più di cento città ci sono scioperi e presidi studenteschi: “Scioperiamo da una giornata di scuola o di lavoro per inchiodare le persone al potere di fronte alle loro responsabilità e al loro tradimento”, spiegano. Le azioni variano di città in città al fine di garantire ovunque la sicurezza dei partecipanti. “Il tempo per evitare il collasso climatico sta per finire – affermano i ragazzi – Ma arrendersi significa destinarci a un futuro nel caos, e non lo accettiamo. Dobbiamo affrontare la realtà e trattare la crisi climatica come una crisi. Vogliamo che la politica dia la priorità alla sopravvivenza dell’umanità piuttosto che all’avidità di pochi. Vogliamo un’economia basata sul benessere delle persone e la tutela degli ecosistemi e non più sul Pil, un’Europa che si impegni a ripagare il suo debito con il Sud del mondo”. E da Roma arriva una proposta aggiuntiva: “I soldi del Recovery Fund vengano usati anche per il diritto allo studio“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ho votato M5s per il suo ambientalismo, ma ora quei temi sono finiti in quarta fila

next
Articolo Successivo

Milano, attivisti per l’ambiente occupano la sede di Cassa depositi e prestiti: “Principale azionista di multinazionali del fossile come Eni e Snam”

next