Nasce finalmente la newco pubblica che dovrà ereditare parte degli asset di Alitalia. Si chiamerà Alitalia Ita. I ministri dell’economia Roberto Gualtieri, delle infrastrutture Paola De Micheli, dello sviluppo Stefano Patuanelli e del lavoro Nunzia Catalfo hanno firmato venerdì sera il decreto che costituisce la nuova società, dopo che giovedì è stato sciolto il nodo politico delle nomine in cda. Per trovare la quadra è stato necessario allargare la composizione del board e inserirci una manager indicata da Italia viva. Simonetta Giordani. Gli altri consiglieri sono Alessandra Fratini, Angelo Piazza, Lelio Fornabaio, Frances Vyvyen Ouseley, Silvio Martuccelli e Cristina Girelli. Vi siederanno. Confermata la nomina di Francesco Caio a presidente mentre Fabio Maria Lazzerini sarà ad.

La dote di 3 miliardi prevista dal decreto Rilancio si aggiunge ai 10 miliardi messi sul piatto dal 2008 per tenere in piedi la compagnia. Per Gualtieri “la Newco rappresenta il primo passo verso la costituzione di un vettore di qualità capace di competere sul mercato internazionale. Poniamo le basi per il rilancio del trasporto aereo italiano, attraverso la scelta di manager di primo livello e grande competenza in grado di elaborare e attuare un piano industriale solido e sostenibile”. Cosa che dovrà avvenire quanto prima, considerato che la società come sottolineato dal commissario straordinario Giuseppe Leogrande ha solo 260 milioni in cassa e i ricavi affossati dal Covid, come tutti i gruppi del comparto. Ma i tempi non saranno brevissimi perché ora il decreto dovrà essere convertito in Parlamento. E l’operazione deve avere il via libera di Bruxelles: la commissaria europea per la concorrenza Margrethe Vestager dovrà valutare se le scelte fatte possono essere considerate aiuti di Stato illegali. Sarà quindi valutata la discontinuità rispetto alla vecchia compagnia ma anche gli asset, i dipendenti quasi 7mila sono in cassa integrazione – e la composizione aziendale.

De Micheli parla non a caso una nuova compagnia “in netta discontinuità con il passato e che dovrà giocare un ruolo da protagonista sul mercato europeo e internazionale”, “una grande operazione industriale al servizio del Paese, a sostegno della competitività delle nostre imprese e per il rilancio del turismo italiano”. Per Catalfo “abbiamo bisogno di una compagnia di bandiera che aiuti l’Italia a ripartire”. E secondo Patuanelli “in un contesto di mercato quasi azzerato abbiamo la possibilità di consentire un serio sviluppo industriale nazionale nel settore del trasporto aereo”.

“Bene la firma del decreto per la partenza Newco e le nomine del CdA che esprimono anche competenze del settore ma permane la preoccupazione per la complessità della situazione e per i 7mila lavoratori in cigs”, commenta il segretario nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito, spiegando che “per rendere operativa l’azienda serviranno diversi mesi e nel frattempo si continuano a bruciare risorse, si cancellano voli e la compagnia è praticamente ferma”. “Siamo già in ritardo e la situazione, ogni giorno che passa, diventa disperata – denuncia il dirigente nazionale della Filt Cgil – e se non si interviene tempestivamente l’operazione di salvataggio potrebbe essere tardiva con il rischio della perdita del lavoro per i dipendenti di Alitalia e dell’indotto”. “Era ora che arrivasse il decreto di costituzione della Newco di Alitalia. Da questo momento inizia una nuova epoca e non bisogna sbagliare mosse a partire dall’elaborazione di un piano industriale ambizioso, che auspichiamo di conoscere al più presto”. dichiara il segretario generale della Fit-Cisl, Salvatore Pellecchia.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sui fondi europei per la sanità del Mes tanta ideologia e poca aritmetica. In ogni caso il prestito non ci cambierà la vita

next
Articolo Successivo

Le stime di Confindustria: “-10% Pil nel 2020. Uso fondi Ue sarà bivio cruciale”. Gualtieri: “Transizione 4.0 per incentivare investimenti”

next