Un boato fortissimo, alle 19:58 di ieri è stato avvertito dai cittadini di Capena, alle porte di Roma, ma anche in tutto il quadrante nord-est della Capitale. Il “botto”, rilevato dai sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha fatto registrare un lieve fenomeno sismico di magnitudo 1.7, con epicentro proprio a Capena e profondità di otto chilometri. Ma che cosa lo abbia generato resta un mistero. “Sino a questo momento (08:51 del 5 ottobre ndr) il boato non è correlabile ad uno specifico avvenimento e non si conoscono le precise cause” – scrive il Comune di Capena in un post su Facebook. Comunque non si sono registrati danni a cose o persone, né richieste o segnalazioni ai numeri di emergenza.

Sul posto si è immediatamente recata una task force composta da Protezione civile, Vigili del fuoco e Carabinieri, in compagnia del sindaco di Capena, Roberto Barbetti. Dalle prime ricognizioni effettuate sul territorio non sarebbe stata accertata nessuna esplosione, superficiale o sotterranea. “Al momento non abbiamo ricevuto alcuna segnalazione, chiamata o richiesta di aiuto – dice il sindaco – stiamo verificando le nostre zone di campagna e tutto intorno all’area della segnalazione, per cercare di capire che cosa abbia provocato quel boato. Perché se da una parte è strano che un terremoto si palesi solo con un boato di quel tipo, è altrettanto strano che un’esplosione sotterranea possa aver attivato i sismografi”. Le indagini, comunque, sono ancora in corso. E tra i cittadini di Capena, c’è qualcuno che su Facebook come causa del boato propone il “lago Puzzo” o lago di Capena, una profonda e antica faglia nel sottosuolo che ha determinato lo sviluppo di un particolare tipo di carsismo, che a sua volta ha dato origine a depressioni circolari a forma di imbuto “a seguito di forti boati e violente scosse di terremoto”.

(immagine d’archivio)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo in Piemonte, il viaggio nelle zone colpite della Valsesia: “C’è tanta rabbia, è colpa della poca manutenzione”

next
Articolo Successivo

Vo’ Euganeo, a un mese dalla ripresa delle lezioni non ci sono contagiati da coronavirus

next