Un boato fortissimo, alle 19:58 di ieri è stato avvertito dai cittadini di Capena, alle porte di Roma, ma anche in tutto il quadrante nord-est della Capitale. Il “botto”, rilevato dai sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha fatto registrare un lieve fenomeno sismico di magnitudo 1.7, con epicentro proprio a Capena e profondità di otto chilometri. Ma che cosa lo abbia generato resta un mistero. “Sino a questo momento (08:51 del 5 ottobre ndr) il boato non è correlabile ad uno specifico avvenimento e non si conoscono le precise cause” – scrive il Comune di Capena in un post su Facebook. Comunque non si sono registrati danni a cose o persone, né richieste o segnalazioni ai numeri di emergenza.

Sul posto si è immediatamente recata una task force composta da Protezione civile, Vigili del fuoco e Carabinieri, in compagnia del sindaco di Capena, Roberto Barbetti. Dalle prime ricognizioni effettuate sul territorio non sarebbe stata accertata nessuna esplosione, superficiale o sotterranea. “Al momento non abbiamo ricevuto alcuna segnalazione, chiamata o richiesta di aiuto – dice il sindaco – stiamo verificando le nostre zone di campagna e tutto intorno all’area della segnalazione, per cercare di capire che cosa abbia provocato quel boato. Perché se da una parte è strano che un terremoto si palesi solo con un boato di quel tipo, è altrettanto strano che un’esplosione sotterranea possa aver attivato i sismografi”. Le indagini, comunque, sono ancora in corso. E tra i cittadini di Capena, c’è qualcuno che su Facebook come causa del boato propone il “lago Puzzo” o lago di Capena, una profonda e antica faglia nel sottosuolo che ha determinato lo sviluppo di un particolare tipo di carsismo, che a sua volta ha dato origine a depressioni circolari a forma di imbuto “a seguito di forti boati e violente scosse di terremoto”.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo in Piemonte, il viaggio nelle zone colpite della Valsesia: “C’è tanta rabbia, è colpa della poca manutenzione”

next
Articolo Successivo

Vo’ Euganeo, a un mese dalla ripresa delle lezioni non ci sono contagiati da coronavirus

next