“Sì o no? Il problema è come. Prima d’indebitarsi come Paese mi preoccuperei di capire se ha un senso oppure no”. Massimo D’Alema, presidente della Fondazione Italianieuropei, al Festival delle Città parla del Mes. “Necessario un raccordo in sede europea, perché rimane un problema. Ovvero: il rischio è lo ‘stigma’ se noi dovessimo rimanere l’unico Paese che fa ricorso a un fondo che, non dimentichiamoci, si chiama ‘Salva Stati’. Questo potrebbe incidere non positivamente sull’affidabilità dell’Italia come Paese e siccome noi abbiamo un problema di fiducia a causa del debito pubblico, questo potrebbe incidere sui tassi d’interesse”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Camera, il renziano Carè lascia Italia Viva dopo il risultato alle Regionali: “Torno nel Pd. La strada intrapresa non era quella giusta”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista: “L’alleanza strutturale con il Pd per noi è la morte nera. Il Movimento la vuole perché se no vincono gli altri”

next