“Quel piatto? Lo avrei potuto fare a casa”. Su Tripadvisor si moltiplicano le recensioni negative sul ristorante dello chef Gordon Ramsey, noto per i suoi programmi di cucina in tv, dove facilmente dà in escandescenze. Nel suo ristorante a Londra, per esempio, il menù da tre portate costa l’equivalente di 140 euro a persona – bevande escluse – e un cliente ha poi scritto nei commenti che la cucina che ha meritato tre stelle Michelin “si è persa per strada” e che non sarebbe tornato se non avesse visto cambiamenti. In particolare il cliente scontento se l’è presa per un piatto di formaggi assortiti: “Se il meglio che Gordon Ramsay sa fare è mettere insieme una fetta di caprino e una di gorgonzola in un piatto, allora di che stiamo parlando?”

Il tagliere della discordia è stato menzionato anche nelle recensioni di altri clienti, che dopo averlo ordinato nel ristorante di Chelsea lo definiscono “un insulto” e “insipido“: un piatto “noioso” dal costo di venti sterline (circa 22 euro) che, scrivono, “chiunque potrebbe fare a casa”. In un’altra recensione, invece, un cliente si è lamentato per un piatto di carne con patate, pagato 25 euro: nel piatto ci sarebbero state una bistecca “minuscola” e delle patate “troppo salate”. Insomma, riassume nel titolo della recensione, “Gordon non è Heston”, riferendosi a Heston Blumenthal, altro noto chef inglese che, secondo lui, sarebbe molto più bravo. Ramsey è molto più popolare come il “cattivissimo” giudice del programma tv Hell’s Kitchen: chissà che avrebbe detto, se a servire questi piatti fossero stati i partecipanti al suo show.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Myriam Catania dice di non sapere chi è Anna Tatangelo: ecco come la definisce

next
Articolo Successivo

Paolo Brosio rompe il silenzio: “Avevo il Covid, ecco perché non sono andato al Grande Fratello Vip”

next