I positivi in Italia toccano il numero più alto dalla fine del lockdown: 1.912 casi in più in 24 ore, a fronte dei 1.786 di ieri. I tamponi restano su livelli record, oltre i 107 mila, in leggero calo rispetto ai 108mila di ieri. Le vittime oggi sono 20, tre in meno di giovedì. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, il totale dei contagiati dall’inizio della pandemia, comprese vittime e guariti, sale così a 306.235.

Al momento, gli attualmente positivi sono 47.718 ( +938 rispetto a giovedì) di cui 2.737 ricoverati in ospedale (sei in più) e 244 in terapia intensiva (due in meno di ieri). Gli altri 44.737 si trovano in isolamento domiciliare con pochi sintomi o addirittura nessuno. Le persone dimesse o guarite da ieri sono 954 in più.

Anche oggi, nessuna Regione registra zero nuovi positivi: l’incremento più netto in Lombardia, con 277 nuovi positivi, seguita dalla Campania (235) dal Lazio (230 casi) e dal Veneto (196). Sopra i cento casi anche l’Emilia Romagna (122) il Piemonte (120) la Toscana e la Sicilia (107). La Svizzera ha incluso la Liguria – insieme a Gran Bretagna, Portogallo, Belgio – nell’elenco degli Stati e Regioni a rischio elevato di contagio da coronavirus: oggi la Regione ha contato 73 contagiati in più. Mentre in Calabria, la governatrice Jole Santelli ha firmato un’ordinanza che impone la mascherina obbligatoria all’aperto per tutto il giorno.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca: “O i contagi in Campania scendono o chiudiamo tutto”. Calabria reintroduce obbligo di mascherine anche all’aperto

next
Articolo Successivo

I cinghiali “invadono” il quartiere Aurelio di Roma: l’ultimo avvistamento in strada in pieno giorno. La mamma a spasso con i cuccioli: video

next