Si chiama Sylvain, ha 35 anni e vanta il record di essere l’uomo più tatuato di Francia, un primato che gli sta causando però non pochi problemi sul lavoro. Come riferisce il quotidiano francese Le Parisien, l’uomo non potrà più insegnare all’asilo perché i genitori dei bambini della classe che gli era stata assegnata hanno presentato un esposto al Provveditorato del dipartimento dell’Essonne, in Francia, chiedendo che fosse sospeso dall’incarico perché “il suo aspetto spaventa i bambini”.

Per placare le proteste delle famiglie ma, al contempo, non discriminare Sylvain, il Provveditorato ha deciso che potrà continuare ad insegnare ma che gli saranno assegnate solo le classi elementari e medie. ”Se hanno qualche curiosità da domandarmi – ha spiegato l’insegnante al quotidiano francese – possono farlo durante la ricreazione. Quando mi chiedono ‘perché hai gli occhi neri? Rispondo che sono lì per insegnare ma che sono disposto a parlarne durante la ricreazione. Tuttavia, i miei studenti non hanno mai detto che sono ‘un mostro’ o che sono orribile’. Posso capire una misura di prudenza – conclude Sylvain – ma non sono un provocatore. E penso invece che il mio aspetto insegni cosa sia la diversità ai bambini“.

Sylvain, in arte Freaky Hoody, è un art performer che ha cominciato a maturare la sua passione per i tatuaggi all’età di 27 anni: da quel momento non si è più fermato ed è arrivato a coprire ogni centimetro della sua palle con i tatuaggi, per un valore complessivo di 50mila euro. Fiori, personaggi dei fumetti e tribali ma non solo: si è persino iniettato dell’inchiostro nero nel contorno bianco del bulbo oculare.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex vigile urbano si spaccia per la reincarnazione di Gesù e attira migliaia di seguaci: arrestato

next
Articolo Successivo

Gundam diventa reale: ecco come muove i primi passi il robot dei cartoni anni ’80

next