Vissarion, cioè la reincarnazione di Gesù. Così si faceva chiamare un ex vigile urbano, Sergei Torop, arrestato ieri dalle forze di sicurezza russe per estorsione e abuso della credulità popolare. Il “Messia” andava in giro in tunica bianca, barba e capelli lunghi. Sermoni e promesse (da mantenersi non qui, ma nell’al di là) gli avevano permesso di attirare moltissimi seguaci tanto da diventare un problema per i pope ortodossi e per le autorità. La sua setta, chiamata Chiesa dell’ultimo testamento, è stata fondata in Siberia nel 1991 e celebra il culto del giorno del giudizio. Torop manipolava le sue decine di migliaia di seguaci a livello psicologico: le regole imposte ai suoi adepti erano rigide, e contava l’inizio dell’era cristiana a partire dal 1961, anno della sua nascita. Il movimento religioso ha circa 4.000 seguaci in una trentina di villaggi siberiani e altri 10.000 sparsi per il mondo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo di 6 anni aiuta il papà a sopravvivere dopo una rapina ma per la mamma non c’è niente da fare

next
Articolo Successivo

Troppi tatuaggi, non può fare il maestro d’asilo: “Spaventa i bambini”

next