“Diverse forze, dai valori opposti, si sono riunite sotto i vessili del No con l’unico scopo di colpire il governo e il sottoscritto, per questo abbiamo sentito il dovere di scendere nelle piazze e raccontare i motivi del sì. Qualcuno sperava nella vittoria del no perché in fondo sperava nella nostra sconfitta o in una mia sconfitta”, così il ministro degli esteri Luigi Di Maio, durante le dichiarazioni alla Camera dopo la vittoria del Sì al taglio dei parlamentari. “Qualcuno voleva il No per colpire anche il governo, ma è stato un boomerang”, ha continuato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum 2020, Crimi dopo la vittoria del Sì: “Risultato storico, M5s è motore del cambiamento. Ora avanti con le riforme”

next
Articolo Successivo

Referendum, ora la Lega provoca: “Col taglio il Parlamento non voti nuovo capo dello Stato”. Il Pd: “Legittimità delle Camere rafforzata”

next