Un’Italia sempre più calda – fino a 5 gradi in più nel 2100 nello scenario peggiore – con foreste che si incendiano più spesso, una disponibilità d’acqua ridotta del 40% e città esposte a ondate di calore e piogge molto violente. Così sarà il Paese che i nostri figli erediteranno, se non si agisce subito e in maniera strutturale, secondo l’ultimo studio del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (Cmcc), l’ente di ricerca che realizza studi e modelli del sistema climatico grazie a un’infrastruttura tecnologica capace di sviluppare simulazioni altamente accurate. Come quella sull’Italia del futuro contenuta nel rapporto “Analisi del rischio. I cambiamenti climatici in Italia”, a cura di Donatella Spano e Valentina Mereu.

La simulazione si focalizza sull’analisi di alcuni settori chiave, per sottolineare i possibili impatti del riscaldamento globale in termini economici: solo per il settore agricolo i danni si aggirano tra gli 87 e i 162 miliardi nel 2100, mentre il turismo rischia tra i 17 e 52 miliardi. Lo studio da un lato vuole indicare alla politica le strade da intraprendere, dall’altro prova a spiegare ai cittadini i comportamenti da adottare. Con lo scopo, anche, di evitare un Paese sempre più ingiusto, visto che le conseguenze del cambiamento climatico colpiranno soprattutto i più fragili e poveri.

Crescono le temperature, scendono le piogge (ma non ovunque) – Secondo il rapporto, negli scenari considerati ci si può attendere, nell’ipotesi peggiore (quella cioè senza alcuna azione di mitigazione) un aumento fino a 5 gradi della temperatura al 2100 rispetto al trentennio 1981-2010. Quasi certo ormai un aumento di 2 gradi pur nei diversi modelli climatici nel periodo 2021-2050. Ma se la variazione cambia a seconda dello scenario climatico considerato, la distribuzione invece è uniforme su tutto il territorio. D’altronde, già nel 2019, secondo il rapporto, i giorni di caldo intenso sono stati 29 in più rispetto al periodo 1960-1990. Per quanto riguarda le piogge, invece, ci sono differenze su base geografica. In generale, è attesa una diminuzione dei valori annuali e un aumento di intensità nei giorni piovosi. Le precipitazioni si riducono al centro-sud in estate, mentre aumentano al nord, specialmente in inverno.

91% dei comuni italiani a rischio idrogeologico – Un punto chiave del rapporto è rappresentato dall’analisi del rischio idrogeologico, il cui rischio è aumentato di circa il 9% negli ultimi vent’anni. Nel Sud Italia ci sono più comuni con bassi livelli di resilienza ai disastri, ma anche le regioni del Nord sono altamente impreparate a affrontare gli effetti del clima che cambia. Infatti, ben il 91% dei comuni italiani è a rischio frane e alluvioni e 7 milioni di persone vivono o lavorano in aree definite ad “alta pericolosità”. L’innalzamento delle temperature e l’ aumento di precipitazione localizzate, combinate con il consumo di suolo e l’occupazione delle aree fluviali, esacerbano il rischio. Anche lo scioglimento di neve, ghiaccio e permafrost rende le zone alpine e appenniniche interessate da fenomeni di dissesto, mentre aumenta il rischio idraulico per piccoli bacini.

Tra le zone più esposte al riscaldamento però ci sono le città, che ospitano il 56% della popolazione italiana. La presenza di superfici impermeabili e la scarsità di suolo e vegetazione, a cui si aggiunge il traffico, la climatizzazione degli edifici e l’attività industriale, danno origine a ondate di calore che colpiscono i più fragili, anziani, bambini, poveri, malati. Addirittura, i centri urbani sperimentano temperature più elevate di 5-10% rispetto alle aree rurali circostanti. Esiste poi un forte legame tra incremento di temperatura e inquinamento atmosferico, con conseguente aumento della mortalità, a causa di malattie cardiovascolari e respiratorie.

Meno 40% di acqua e minore produttività agricola – Altro settore che presenta gravi criticità è quello dell’acqua, visto che i cambiamenti climatici presentano rischi per la disponibilità di risorse idriche in Italia, specie nei mesi estivi e nelle zone più aride, tanto che è attesa, nei decenni a venire, una diminuzione fino al 40% in meno nel 2080, a cui si aggiunge un’ulteriore diminuzione come conseguenza delle attività antropiche. Ma l’acqua non solo diminuisce, ma peggiore come qualità, anche perché i corsi d’acqua e le riserve idriche costiere sono esposte all’innalzamento del livello del mare con conseguente intrusione di acqua salata.

Diminuirà la produttività per le colture a ciclo primaverile estivo, mentre olivo e vite potrebbero spostarsi verso nord. Ma l’aumento delle temperature ha conseguenze anche sulla produttività del bestiame, sottoposto a stress a causa delle temperature (la vulnerabilità è maggiore per i ruminanti da latte e suini, media per gli avicoli e medio-bassa per i ruminanti da carne). La maggiore concentrazione di CO2 rischia di influenzare negativamente la qualità nutrizionale di alcuni prodotti, come i cereali.

Sempre più incendi – L’interazione tra fenomeni climatici estremi e cambiamenti nell’uso del suolo (abbandono delle aree coltivate, dei pascoli, delle foreste gestite) aumenta il rischio di incendi del nostro patrimonio forestale, che costituisce il 35% del territorio nazionale. Nei prossimi decenni si attende un incremento del 20% in tutti i diversi scenari climatici e un allungamento della stagione degli incendi compreso tra i 20 e i 40 giorni. Questi fenomeni potranno causare in Italia un aumento delle superfici percorse compreso tra 21% e 43%, a seconda dello scenario considerato. L’aumento dell’area bruciata comporterà un incremento delle emissioni, con un peggioramento della qualità dell’aria.

Danni all’economia: fino a – 7-8% di Pil – Ultimo, ma non per importanza, il capitolo sui costi: gli impatti dei cambiamenti climatici vanno dallo 0,5% del Pil procapite attuale al 7-8% a fine secolo nel peggiore degli scenari, con impatti peggiori nelle regioni più povere. Alcuni numeri: nello scenario di aumento della temperatura di 3 gradi al 2070, i costi in termini di perdita di capitale infrastrutturale sarebbero tra 1 e 2,3 miliardi di euro fino al 2050 e fino a 15,2 miliardi tra il 2071 e il 2100. Innalzamento del mare e inondazione costiere costeranno 900 milioni di euro a metà secolo e 5,7 miliardi a fine secolo, mentre il decremento del settore agricolo è valutabile tra gli 87 e i 162 miliardi di euro al 2100. Ancora: perdite stimate in 17 e 52 miliardi di euro nei due scenari climatici (2 e 4 gradi) per il settore turistico, mentre si stima che con un aumento di 4 gradi solo 18 per cento delle stazioni sciistiche alpine avrebbero una copertura nevosa.

Una base scientifica per politici e cittadini – Dall’analisi degli scenari futuri, dunque, emerge la necessità di utilizzare tutte le risorse disponibili in ambito europeo e nazionale per andare verso una trasformazione coerente con gli obiettivi di sviluppo sostenibili e verso percorsi di adattamento, che già alcuni comuni e regioni hanno messo in atto. “Questo documento rappresenta una solida base scientifica e tecnica per le politiche climatiche e territoriali da mettere in atto”, commenta la curatrice del rapporto Donatella Spano, Strategica Advisor del Cmcc e docente all’Università di Sassari, secondo cui “il cambiamento climatico dovrebbe rappresentare uno dei pilastri fondamentali dell’agenda politica”.

Commenta il rapporto anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa: “I modelli avanzati del Rapporto del Cmcc, e la rete di collaborazioni internazionali da cui scaturiscono, mettono in evidenza, una volta di più, quanto sul clima non si possa scherzare e i tempi per intervenire siano sempre più stretti. La pandemia globale non ci ha distolti dal problema, semmai lo ha reso ancora più urgente. Non c’è settore sociale o economico che non possa o non debba fare la sua parte e non c’è ambito che la crisi climatica non possa mettere ancora più in crisi: non abbiamo più tempo di essere pessimisti e dobbiamo lavorare per questo, come stiamo già facendo”. Una nota positiva è espressa, in conclusione, da Antonio Navarra, presidente della Fondazione Cmcc. “Dal rapporto emerge come il sistema climatico abbia un impatto concreto sulla produttività, la sicurezza, la salute, l’economia. La buona notizia, però, è che lo stato attuale delle nostre conoscenze ci permette di analizzare e valutare il rischio connesso ai cambiamenti climatici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eni, o si punta a una radicale transizione verso le rinnovabili o sarà solo greenwashing

next