È morto a 94 anni il padre del fondatore di Microsoft, Bill Gates. Bill Gates Sr, stimato avvocato di Seattle, aiutò il figlio ad avviare la Bill and Melinda Gates Foundation. La famiglia – come riporta il New York Times – ha fatto sapere che era malato di Alzheimer ed è deceduto lunedì nella sua casa sulla spiaggia sull’Hood Canal, nella città dello Stato di Washington.

Nel 1994 Gates Sr aveva 69 anni e stava progettando di ritirarsi a breve dal suo prestigioso studio legale quando il figlio gli disse che era stato sommerso da richieste di beneficenza, ma che era troppo impegnato a gestire Microsoft per rispondere. Suo padre suggerì che lui poteva contribuire a vagliare i documenti e, con l’approvazione del figlio, inviare alcuni assegni. Una settimana dopo, Bill Jr. accantonò 100 milioni per aprire quella che inizialmente era chiamata William H. Gates Foundation. Nei successivi 13 anni, mentre Bill si concentrava principalmente su Microsoft, suo padre gestì la fondazione giorno per giorno, dando forma ai suoi obiettivi: migliorare la salute e l’istruzione e contrastare la povertà in America e nel terzo mondo.

Mi mancherà ogni giorno – ha detto il fondatore della società di Redmond -. Ci mancherà più di quanto possiamo esprimere in questo momento. Stiamo provando dolore ma anche gratitudine, la sua morte non è stata inaspettata, quindi abbiamo avuto tutti molto tempo per riflettere su quanto siamo fortunati ad aver avuto questo uomo straordinario nella nostra vita per così tanti anni”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daniela Santanché: “Grazie mamma per i ceffoni che mi hai dato, non sarei la stessa”

next
Articolo Successivo

Meghan Markle “cancellata” dalle foto per il compleanno di Harry: negli auguri della Famiglia Reale lei non compare mai

next