Meghan Markle cancellata dalle foto ufficiali della famiglia reale per il 36esimo compleanno del principe Harry. All’indomani del genetliaco del secondogenito del principe Carlo, i tabloid britannici non parlano d’altro: nelle immagini pubblicate sui social non c’è traccia dell’ormai ex Duchessa di Sussex e in molti hanno hanno accusato Buckingham Palace di comportamento “immaturo e meschino”.

In particolare, nel mirino delle critiche è finita la foto scelta per gli auguri da William e Kate: un’immagine scattata nel 2017, quando i duchi di Cambridge si sono sfidati a una gara di corsa con Harry. Non solo si tratta di uno scatto dell’epoca “pre-Meghan”, quando i tre erano molto affiatati e i due fratelli molto legati, ma soprattutto in mezzo ai tre c’è una corsia vuota, quasi a sottolineare la “rimozione” della moglie.

Anche la regina Elisabetta ha scelto una foto in cui compare da sola con il nipote, senza traccia di Meghan. E altrettanto ha fatto il principe Carlo, pubblicando uno scatto assieme al figlio, da soli. Se doveva essere una frecciata nei confronti di Meghan il messaggio è arrivato forte e chiaro, anche troppo. Tanto che fonti ufficiali di corte sono dovute intervenire per smorzare i toni: “La gente vuole leggerci troppo dentro – ha commentato una portavoce di Kensington Palace, la residenza di William e Kate —. Si tratta soltanto di un bello scatto“. Ma ormai il dado è tratto.

Visualizza questo post su Instagram

Wishing a very happy birthday to Prince Harry today! ????????

Un post condiviso da Duke and Duchess of Cambridge (@kensingtonroyal) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Bill Gates Sr.: addio al padre del fondatore di Microsoft

next
Articolo Successivo

Flavio Briatore parla dopo il Covid e torna ad attaccare il governo: “Caso Sardegna orchestrato politicamente, virus solo in discoteche di destra”

next