Aveva fatto il tampone il 3 settembre ma, senza aspettare l’esito, dal 7 settembre è stato mandato all’asilo. Quando la famiglia il 9 ha avuto il risultato e ha scoperto che era positivo al Covid-19, il bambino di cinque anni era già stato in classe per tre giorni. Per questo l’Ats ha messo in quarantena le famiglie di 17 alunni e tre insegnanti della scuola d’infanzia Montessori a Cesano Maderno, in Brianza. Verranno tutti sottoposti al tampone all’ospedale San Gerardo di Monza.

La scuola, che fa parte del villaggio Snia, ha in totale otto sezioni. Per le altre classi le lezioni proseguiranno normalmente: “Sono state attivate tutte le misure preventive. Ogni sezione è come una ‘bolla‘ che opera senza contatti con le altre – ha spiegato l’assessore all’Istruzione, Pietro Nicolaci, a Il Cittadino – Genitori e bambini entrano dalle porte finestre che affacciano sul giardino e le sezioni sono divise da blocchi di Jersey”.

L’amministrazione comunale, che ha reso noto il caso, ha raccomandato alle famiglie di tenere un comportamento più prudente e responsabile. “Se un bambino viene sottoposto a tampone non può assolutamente frequentare la scuola fino a che l’esito non certifichi la negatività al Covid e lo stesso vale se il bambino ha la febbre o altri sintomi“, chiarisce il municipio.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, a Castellammare di Stabia il sindaco decide di rinviare l’apertura al 1 ottobre: “Non ci sono banchi e manca personale”

next
Articolo Successivo

Cresce l’interesse per la scuola da casa. Giorgia Petrini, mamma home-schooler alle famiglie: ”Non fate scelte dettate dalla paura del Covid”

next