Avrebbero dovuto alzarsi in volo tutte insieme, creando uno spettacolo unico e molto suggestivo, invece quando finalmente la teca di plexiglass è stata sollevata nessuna di loro si è mossa perché erano tutte morte. È stata una vera e propria strage di farfalle quella avvenuta domenica 13 settembre al Firenze Flower Show: i bellissimi insetti erano stati chiusi in una teca di plexiglass e sono rimasti più di un’ora sotto il sole nell’attesa di essere poi liberati. Tutto quel tempo senza aria, con il caldo di questi giorni, gli è stato fatale.A denunciare l’accaduto sono stati alcuni dei visitatori dell’evento, che hanno pubblicato sui social le immagini delle povere farfalle.

“Le farfalle erano chiuse in una teca di plexiglas e posizionate sotto il sole dalle ore 15:00, la liberazione era prevista per le 15:30 – ha scritto Patrizia Malizia su Facebook pubblicando le foto – . Alle 15:35 segnalo alla sicurezza che le farfalle sono in sofferenza, smuovono un po’ la teca ed inizia la conferenza. Alle 16:05 alzano la teca: nessuna farfalla si alza in volo, questo lo scempio“. Sull’accaduto si sono già attivate diverse associazioni animaliste che hanno denunciato l’accaduto alle autorità competenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavio Briatore: “Non voglio minimizzare il covid ma basta alimentare l’isteria collettiva… la polmonite che ho avuto l’anno scorso è stata peggio” (VIDEO)

next
Articolo Successivo

Rudy Zerbi, il faccia a faccia nella notte in centro a Roma: “Me la sono vista brutta”

next