“14 settembre 2020, primo giorno di scuola. Gli alunni entrano in classe e non c’era il crocifisso. Al suo posto questo messaggio: mancano i banchi, c’è troppo assembramento e non vengono sempre rispettate le distanze, io non ce lo mando il mio figliolo a scuola, firmato il Padreterno”. Questo i messaggio (ironico) di Paolo Hendel per il primo giorno di scuola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, le previsioni erano nere come la pece. Ma forse le cose non vanno poi così male

next
Articolo Successivo

“Siamo stati noi a chiedere che la scuola riaprisse anche senza i banchi”. I genitori di Genova increduli per la polemica di Toti

next