“14 settembre 2020, primo giorno di scuola. Gli alunni entrano in classe e non c’era il crocifisso. Al suo posto questo messaggio: mancano i banchi, c’è troppo assembramento e non vengono sempre rispettate le distanze, io non ce lo mando il mio figliolo a scuola, firmato il Padreterno”. Questo i messaggio (ironico) di Paolo Hendel per il primo giorno di scuola.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, le previsioni erano nere come la pece. Ma forse le cose non vanno poi così male

next
Articolo Successivo

“Siamo stati noi a chiedere che la scuola riaprisse anche senza i banchi”. I genitori di Genova increduli per la polemica di Toti

next