Per vedere la fine della pandemia di covid-19 dovremo aspettare il 2022. La previsione la fa Bill Gates in una intervista esclusiva rilasciata a La Stampa in occasione del “Goalkeepers report“, un rapporto preparato dalla sua Fondazione e presentato all’Assemblea Generale dell’Onu sul monitoraggio di 17 obiettivi sostenibili: “Tristemente quest’anno parliamo degli arretramenti provocati dalla pandemia. L’impatto sulla salute è un passo indietro di 25 anni e la povertà estrema è cresciuta del 7%”. È pessimista, Gates, tanto da affermare che “in autunno, se non faremo interventi, il numero dei morti, anche negli Usa, tornerà ai livelli della primavera”. Confida però su “alcuni vaccini promettenti che potrebbero ricevere l’autorizzazione all’uso di emergenza entro fine anno o certamente l’inizio del prossimo”. Il magnate e la sua Fondazione si concentrano, spiega, sulla produzione di vaccini che possano essere prodotti in grande numero e a basso costo, “lavorando con paesi in via di sviluppo, come il Serum Institute in India“. E alla risposta su cosa ne pensa degli attacchi dei no vax prima si lascia andare a una battuta: “Non so come abbiano scoperto il mio complotto…”, poi spiega: “È una storia così bizzarra che quasi dovrei trattarla con umorismo. Però è un problema molto grave perché se ci accusi di fare cose diaboliche limiti il nostro lavoro. Poi la gente non mette le maschere o rifiuta il vaccino. Per raggiungere l’immunità servirebbe che lo facesse almeno il 60% della popolazione ma sarebbe meglio l’80% o il 90%”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo yotutuber Jakidale va da Milano a Roma in monopattino: “Esperienza non consigliata ma…”

next
Articolo Successivo

Ilary Blasi annuncia a Francesco Totti: “C’è una donna incinta in questa casa”. Lui reagisce così

next