“Eravamo pronti. Per tutta l’estate abbiamo lavorato per poter affrontare un caso Covid qualora si fosse presentato nella nostra scuola”. A parlare è Vincenza Maselli, la dirigente scolastica dell’istituto Cobianchi di Intra, frazione di Verbania, dove si è registrato il “caso 1” del mondo della scuola che sta per ripartire. La preside oggi è al lavoro. Con lei anche il personale della segreteria, i collaboratori scolastici e i tecnici. Al Cobianchi sono i primi a mettere in campo il protocollo di sicurezza previsto dall’Istituto superiore di sanità.

Tutto è iniziato sabato pomeriggio: “Un responsabile dell’Asl mi ha avvertito che un operatore della scuola era risultato positivo al tampone per il Covid-19. A quel punto ho immediatamente convocato il mio staff e il medico scolastico che abbiamo la fortuna di avere. Domenica mattina alle 9 abbiamo comunicato alle famiglie attraverso il sito della scuola che l’attività didattica prevista, ovvero il recupero, sarebbe stato sospeso”.

La dirigente non rivela di chi si tratti ma secondo quanto riportato da La Stampa si tratterebbe di una professoressa che aveva tenuto gli esami di idoneità tant’è che a finire in isolamento sono anche 6 studenti asintomatici che faranno già oggi il test. Cinque righe che agitato le famiglie ma che hanno permesso alla dirigente di operare con la massima sicurezza: “Abbiamo deciso di chiudere solo gli spazi che erano stati frequentati dalla persona in questione. Si tratta di un’area della scuola che comprende tre-quattro ambienti, non di più. Non è stato necessario chiudere l’intero istituto. Allo stato attuale nessuno è stato messo in quarantena ma l’Asl sta verificando gli eventuali contatti che ha avuto l’operatore”.

Come previsto dalle direttive partirà, invece, la sanificazione dei locali interessati: “Abbiamo contattato immediatamente la ditta specializzata che avevamo già individuato – dice la preside – che oggi pomeriggio e domani interverrà con prodotti specifici. Un’operazione che sarà possibile grazie ai fondi che abbiamo ricevuto dal ministero”. Al termine della sanificazione si deciderà quando riaprire: “I corsi di recupero erano previsti per martedì. Saranno solo rinviati di qualche giorno. Deciderò quando riaprire la scuola sentendo il medico scolastico, l’Asl e a seconda dei tempi necessari secondo la ditta che interverrà”.

Intanto martedì si terrà il primo collegio dei docenti dell’anno scolastico ma sarà online com’era già previsto prima che scoppiasse il caso Covid. In questi giorni al Cobianchi dove ci sono più di 2mila studenti sono arrivate le mascherine promesse dal commissario straordinario Domenico Arcuri: si tratta di quattro scatoloni che dovrebbero bastare, secondo la dirigente, per il periodo iniziale delle lezioni. Stamattina anche il sindaco di Verbania Silvia Marchionini ha fatto visita alla scuola per portare la propria solidarietà e augurare la pronta guarigione agli interessati.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisanti: “La temperatura va presa a scuola, abbassare a 37,1 la soglia per entrare in aula”

next
Articolo Successivo

La ministra Azzolina scrive ai docenti: “Su di voi cose ingiuste, ci avete messo l’anima. Piano per la ripartenza c’è, tra i più rigorosi in Ue”

next