È uno dei locali più frequentati della Costa Smeralda: con i suoi scogli a picco sul mare e le terrazze da cui ammirare un tramonto mozzafiato nella Baja Sardinia. Ma anche per il Phi Beach l’estate sta finendo, e anche molto presto: il famoso locale di Forte Cappellini ha deciso di chiudere in anticipo. Da oggi sono partiti i test a tappeto della Ats in tutti i locali Costa Smeralda, per cercare di contenere i focolai nati tra movida e turismo: i risultati dei tamponi, effettuati su tutti i dipendenti, potrebbero arrivare giù in giornata.

Una stagione finita presto, ma non per questo meno affollata: proprio per la sua conformazione naturale è stato il più gettonato in quest’estate atipica, per passare una serata di divertimento in sicurezza. Il club infatti si trova letteralmente su una spiaggia, e i clienti sono liberi di prendere posto tra le rocce a picco sul mare per consumare un drink e farsi un selfie al tramonto. Un posto dove il distanziamento, con un po’ di accortezza, è facile da rispettare. Non mancano le terrazze con i tavoli o i comodi sofà per i clienti disposti a spendere di più.

Prima del Phi Beach, altri locali avevano spento la musica in anticipo. Uno è il Sottovento, il locale di Porto Cervo: uno dei dipendenti è stato ricoverato ieri in gravi condizioni e ora si trova intubato. E poi ovviamente c’è il caso Billionaire, vero e proprio focolaio: 58 positivi solo nello staff, tra cui il proprietario, Flavio Briatore. Per non parlare dei clienti del locale, che ora si cerca di tracciare: operazione di per sé complicata (parliamo di almeno tremila persone) ma resa ancor più difficile dal fatto che molti clienti avrebbero lasciato un numero di telefono falso all’ingresso. I registri sono ora nelle mani di Marcello Acciaro, responsabile dell’unità anti Covid del Nord Sardegna. “I gestori delle discoteche — ha dichiarato al Corriere della Sera — non sono agenti di polizia. Ma fino a che non vedo gli elenchi non si può dire”. Rintracciare i clienti del Billionaire sarebbe un ottimo punto di partenza: i facoltosi clienti con ogni probabilità hanno frequentato anche altri luoghi-simbolo della movida sarda, come il Just Cavalli o proprio il Phi Beach. “Rimango atterrito dal fatto che al Billionare siano stati dati numeri e generalità falsi – ha commentato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri – La Procura aprirà un’inchiesta su questo”.

Si aggrava anche la situazione al Sottovento di Porto Cervo: dopo il ricovero del gestore – da due giorni nel reparto Malattie infettive dell’Aou di Sassari – anche un altro dipendente è stato ricoverato con il Covid: si tratta di un uomo di 56 anni in gravi condizioni, intubato.

Il Phi Beach comunica la chiusura del locale a partire da giovedì 27 Agosto.Tutto lo staff vi ringrazia per aver…

Gepostet von Phi Beach am Donnerstag, 27. August 2020

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiede a due clienti di indossare la mascherina: cameriere preso a morsi

next
Articolo Successivo

Flavio Briatore parla dal San Raffaele: “Al Billionaire? Colpa dei clienti che stavano ammassati. Io sto bene, non ho nulla di speciale”

next