Seduto sul water, senza vestiti, mentre fa la ‘pupù’: Marco Bianchi si è mostrato così, senza filtri, nelle storie di Instagram. Ma con uno scopo “scientifico”: quello di normalizzare un bisogno naturale e di parlare di fibre, macrobiota e salute intestinale. “Non abbiate paura, non abbiate vergogna a parlarne (…) Il macrobiota sembra un insulto ma è solo benessere”. Però, a lasciare interdetti i suoi follower è stata proprio l’immagine pubblicata. Finora sui social si era visto di tutto, ma mai un volto conosciuto seduto sulla tavoletta del proprio wc di casa. Ancor più sorprendente per un personaggio di solito molto elegante e composto, poco incline a eccessi o stranezze, tantomeno sui social.

Qualcuno, allora, ha storto il naso. “Forse stiamo un filino esagerando“, “Abbiamo perso Marco Bianchi”, cinguettano gli utenti su Twitter. Niente di tutto questo non ha scalfito il divulgatore scientifico e conduttore televisivo, che si è difeso pubblicando un estratto della canzone Esseri Umani di Marco Mengoni, “Oggi la gente ti giudica per quale immagine hai, vede soltanto le maschere, non sa nemmeno chi sei”. Infatti il conduttore ribadisce la volontà di parlare di questi temi, importanti per la salute, senza tabù: “Sono mesi, anzi…. è già un anno che parlo di microbiota, dell’importanza di parlare di c***a e di sostenere la dieta mediterranea. Per farlo ci metto la faccia, come in tutte le cose in cui credo”.

Marco Bianchi, presentatore e divulgatore, si divide tra la tv, dove conduce di “Linea Verde Estate” al fianco di Angela Rafanelli, e le librerie: il suo ultimo libro, “La nostra salute a tavola”, è uno dei più venduti del momento. Inoltre è un cuoco accanito della filosofia vegana e un divulgatore scientifico per la Fondazione Umberto Veronesi. Da sempre, anche ai suoi 370mila followers, parla di buona alimentazione e dieta mediterranea.

Nel 2019 si è parlato di lui anche per la sua vita privata, quando aveva deciso di raccontare di aver scoperto di essere gay dopo aver sposato una donna e aver dato alla luce una figlia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilaria D’Amico: “L’amore improvviso con Gigi Buffon: io rovinafamiglie? Di un uomo non l’avrebbero detto. Lascio il calcio, ma non Sky”

next
Articolo Successivo

Piemonte, va in bagno e trova un pitone nel water: i forestali intervengono per liberare l’animale

next