“Entro martedì chi rientra sarà ricontattato da Ats (per il tampone obbligatori per chi proviene da Grecia, Spagna, Malta e Croazia ndr). L’unica area di difficoltà sono i 2,5 milioni dell’area metropolitana di Milano”, così Marco Trivelli, direttore generale dell’assessorato al Welfare di Regione Lombardia nel corso di una conferenza stampa sulla gestione dei tamponi all’aeroporto milanese di Malpensa dove da oggi sono partiti i primi tamponi per i vacanzieri. Sottolineando che non l’azienda sanitaria non è stata in grado di richiamare tutte le segnalazioni arrivate. “In queste ore stiamo cercando di recuperare. Ci sono state 13 mila segnalazioni che nei primi tre giorni non abbiamo avuto la forza di richiamare – ha aggiunto -. Ieri abbiamo avuto 3.500 contatti ma di questi solo la metà sono diventate prenotazioni” di tamponi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Ricciardi avverte: “Se i contagi aumentassero come in Spagna elezioni e riapertura delle scuole sarebbero a rischio”

next
Articolo Successivo

Foggia, un uomo schiacciato da un automezzo di una ditta di trasporti durante scarico merci

next