“Per la terza settimana consecutiva aumenta il numero di casi anche se l’Rt di poco al di sotto di 1. Diversi focolai vengono segnalati in molte regioni e molti sono dovuti ai rientri dai Paesi ad alta incidenza o a casi importati”. Lo ha detto i direttore del Dipartimento di prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza commentando i dati del Monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità. Rezza ha poi sottolineato: “Diminuisce l’età media delle persone colpite, che prima era di oltre 60 anni e adesso di circa 40 anni. Quindi in questo momento vengono colpiti di più i giovani. Per tutti questi motivi bisogna continuare a mantenere l’uso delle mascherine, il distanziamento fisico e l’igiene personale”. “La sanità pubblica da parte sua – ha concluso – deve intervenire velocemente come sta facendo per identificare i focolai e circoscriverli”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss: “Incidenza tornata ai livelli di giugno. Casi meno gravi o asintomatici”. Si abbassa l’età mediana: 30 anni

next
Articolo Successivo

Zoomarine di Pomezia chiuso per 5 giorni. Il Comune: “Violate le norme anti-Covid”

next