Dopo una notte di scontri, anche nella giornata di sabato i manifestanti sono tornati a invadere le strade di Beirut. Hanno cercato di raggiungere il Parlamento e lanciato pietre contro gli agenti. Monta la rabbia nella capitale libanese, che protesta contro politici e istituzioni per l’esplosione del 4 agosto – che ha provocato la morte di almeno 154 persone – e per avere ridotto il Paese sul lastrico. Decine di video in rete immortalano la gigantesca manifestazione che ha richiamato in piazza migliaia di persone, soprattutto giovani, che spingono per un radicale cambiamento nel pese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, su Instagram con la cerniera dei pantaloni abbassata: presidente pro-Trump di un prestigioso college evangelico “congedato”

next